Nick Mason dei Pink Floyd salva negozio di batterie dal fallimento

“Foote’s”, storico negozio di batterie sito a Londra, stava per chiudere i battenti; a salvarlo, però, è stato il provvidenziale intervento di Nick Mason, batterista dei Pink Floyd, che con il suo contributo ha evitato la chiusura del negozio. Ora “Foote’s” riaprirà in una nuova location, al 41 Store Street di Bloomsbury. Ma perché Mason ha compiuto questo apprezzabile gesto da benefattore? Di mezzo, com’è immaginabile, ci sono dei ricordi di gioventù: “Ero davvero deluso quando ho sentito che Foote’s stava per chiudere – ha dichiarato Mason in un’intervista a ITV News -, perché uno dei miei ricordi più belli legati all’essere un giovane batterista in erba risale a quando andai al negozio originale, a Denman Street, per comprare il mio primo vero kit a 7 sterline e 50“.

Ricordi di gioventù, dunque, dicevamo. Ma non solo. Il gesto di Mason è significativo: salvare un luogo fisico e reale – un luogo che è anche incontro e punto di convergenza –  dalla fiumana di negozi on-line, che grazie ai costi di gestione più bassi riescono a proporre dei prezzi altamente competitivi. “Il fatto di un negozio di battterie è che è il luogo dove le informazioni vengono messe in circolazione – ha aggiunto Mason -. E’ lì che senti parlare di cose nuove, e se hai bisogno di lezioni di batteria il posto migliore dove andare a chiedere è probabilmente un negozio di batterie. C’è una cultura batteristica che ha il suo centro nei drum-shops“. L’incontro tra musicisti, evidentemente, per qualcuno ha ancora un peso.

 

photo credit: Supermac1961 via photopin cc