Champions League, Real Madrid-Manchester United: Ronaldo in scena

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:53

Madrid – Il Real Madrid di Mourinho e il Manchester United di Ferguson. Già questo basterebbe per fare di questo ottavo di finale il più importante e asfascinante di tutti, si aggiunga come dessert Cristiano Ronaldo, asso portoghese lanciato proprio dai ‘Red Devils’ e ora idolo del Bernabeu. Proprio in questo stadio si giocherà il 13 febbraio, con il ritorno in Inghilterra che si terrà il 5 marzo.

Amarcord – Mai da quell’26 giugno 2009, data in cui i britannici incassarno 80 milioni di sterline (al cambio 94 milioni di euro) Ronaldo ha affrontato la sua ex squadra, il suo mentore Ferguson. Proprio quest’ultimo ha parlato del “big match di questa fase”, del resto come dargli torto, uno che vive il calcio a questi livelli da quasi mezzo secolo ha la giusta consapevolezza di quello che ha dinanzi. Nel 1957 la prima sfida tra le due squadre, il filo rosso degli incroci tra inglesi e spagnole fa intravedere gare sempre avvincenti: negli ultimi anni gli iberici sono sulla cresta dell’onda, ma la tenacia bretone non va mai sottovalutata (chi l’ha fatto ha pagato questo atteggiamento amaramente).

Scenari – Qualora servisse un ulteriore incentivo per guardare questa partita, ci saranno di fronte due degli allenatori più bravi al Mondo, come scritto in apertura. Ebbene i possibili scenari di mercato potrebbero vedere Josè Mourinho, sicuro partente dalla Spagna al termine della stagione, proprio sulla panchina dove siede oggi Ferguson, tecnico al passo di addio con il calcio per ‘problemi’ anagrafici. Chissà se la gara all’Old Trafford non sarà un modo per lo ‘Special One’ per riaffacciarsi in Premier League.