Lesmo: dodicenne trovato strangolato in casa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:37

È ancora un giallo la morte di un bambino di soli 12 anni, trovato senza vita giovedì nel tardo pomeriggio a Lesmo. Sarà stato un gioco finito male o una tragica fatalità a causare la morte della giovanissima vittima? Gli inquirenti stanno indagando per scoprire le dinamiche dell’accaduto.

Morto soffocato bambino di 12 anni – È stato trovato in fin di vita dai suoi genitori nel pomeriggio di giovedì. A nulla è servita la chiamata ai soccorsi sanitari del 118 e la corsa in ospedale: Kaleb Pessina, dodicenne di origine etiope, è morto subito dopo l’arrivo al pronto soccorso dell’ospedale San Gerardo di Monza. Il bambino, originario dell’Etiopia, era stato adottato qualche anno fa dalla famiglia Pessina e viveva a Lesmo.

La ricostruzione dei fatti – La strana dinamica del suo ritrovamento e la presunta causa della morte, ha richiesto anche l’intervento dei carabinieri del Gruppo Monza che, una volta arrivati presso l’abitazione della famiglia Pessina, hanno effettuato i rilievi e ascoltato i racconti di tutti i componenti della famiglia. Il bambino è stato trovato nella sua stanza con un cavo della luce attorcigliato al collo. Stando alle parole dei familiari, il dodicenne si trovava a casa da solo poco dopo le 18 di giovedì scorso, momento in cui sarebbe avvenuta la tragedia.

Le ipotesi degli inquirenti: fatalità o omicidio? – Molte sono le ipotesi messe al vaglio dagli inquirenti: forse un gioco finito tragicamente, oppure una fatalità dovuta al fatto che il dodicenne possa essersi addormentato attorcigliandosi nel filo di una lampada, oppure, potrebbe essere stato un omicidio, se si ipotizza che Kaleb non fosse solo in casa. La Procura di Monza, informata dei fatti, come atto dovuto, ha richiesto l’autopsia sul corpo del ragazzino.

 

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!