Home Notizie di Calcio e Calciatori

Pagelle Roma-Milan: ‘Grazie Roma’, poker e rossoneri ko

CONDIVIDI

Pagelle di prestigio quelle della sfida allo Stadio Olimpico tra Roma e Milan nel posticipo valido per la 18^ giornata di campionato, l’ultima prima della pausa natalizia. Oltre 52.000 spettatori e record stagionale all’Olimpico, per un big match che ha dato grande spettacolo e ha esaltato i tifosi di entrambe le squadre. La Roma di Zeman consolida il proprio punteggio e sale a quota 32 e si avvicina alla zona Champions League, ricacciando il Milan a -5 e spaccando la classifica in due.

La cronaca – Buon inizio di partita per entrambe le squadre, che si studiano per 12′ minuti, poi Yepes si addormenta e Burdisso fredda il Milan su calcio d’angolo siglando l’ennesimo gol subito su palla inattiva per i rossoneri. Il Milan non molla e su un rovesciamento di fronte El Shaarawy arriva a tu per tu con Goicoechea, ma si fa sfidare dall’uruguayano che mette fuori con una manata la palla dell’1-1. La partita s’invola e i ritmi restano molto alti, ma al 23′ Yepes s’addormenta ancora e Totti ispira con una pennellata Osvaldo che salta nel cielo dell’Olimpico e incorna la palla, baciando il palo prima di far gonfiare la rete. Il Milan perde mordente e si disunisce, regalando spazi e pasticciando un po’ in fase difensiva. De Rossi ne approfitta e mette dentro un assist precisissimo per Lamela, che da due metri punisce Amelia per il 3-0 tra gli applausi di Zeman.
La ripresa inizia sulle stesse note del primo tempo, la Roma spinge e il Milan riesce a uscire dalla propria metà campo solo con grande difficoltà. Al 49′ Totti sfiora il poker, ma la palla esce di poco a lato della porta difesa da Amelia e la partita si fa via via più più muscolare. Al 56′ Nocerino lascia spazio a Pazzini e il Milan passa a un 4-2-4 vero e proprio con Il Pazzo in fase terminale, Robinho tra le linee, Boateng largo a destra e El Shaarawy a sinistra. Ma la Roma continua a dettare legge e al 60′ è Lamela ad alzarsi dal campo, ispirato dal primo cross giusto di Balzaretti che mette in porta punendo Amelia per il 4-0. La Roma non demorde e ci prova ancora al 65′ con un tiro al volo di Pjanic dal limite che affossa ancora un po’ le creste del Milan. Fase di cambi fino al 84′, quando Muntari sveglia Goicoechea con un tiraccio da fuori che trova il portiere disattento e lo costringe  a un intervento falloso per evitare la ribattuta di Pazzini. Rigore e gol del Pazzo. Dopo appena 3′ El Shaarawy ispira di nuovo Pazzini per un colpo di testa che Goicoechea para con superficialità e sulla ribattuta Bojan Krcic trova il gol dell’ex per il 4-2 tre minuti dallo scadere del tempo regolamentare. Il Milan crede nell’impresa e la Roma in 10 è costretta a difendere i 4 gol maturati. Il Milan si sveglia e allo scadere ruggisce sugli sviluppi di un fuorigioco non segnalato, ma ci pensa Yepes a togliere la palla dai piedi di El Shaarawy per il possibile 4-3.

Roma (4-3-3):
Goicoechea 6.5: 85′ minuti di miracoli su mezza rosa del Milan, poi l’entrata di Romagnoli lo stranisce e ne fa due delle sue;
Piris 6: Si fa scappare troppo spesso El Shaarawy e Boateng, ma stasera è più concentrato in fase difensiva e riesce comunque ad arrivare alla sufficienza;
Burdisso 7-: Gestisce bene la linea difensiva e salta più in alto di tutti in occasione del primo gol;
Marquinhos 6.5: Grand calma e autorità, annulla El Shaarawy in più di un’occasione, poi viene espulso per fallo di mano su quella che viene dubbiamente intesa come chiara occasione da gol al 77′;
Balzaretti 6: Corre come un pazzo come sempre e questa sera riesce a ingranare sul finale con un ottimo cross trasformato da Lamela;
Bradley 6: Svaria nel campo e si propone bene in fase offensiva, un po’ impreciso in fase di controllo, ma contribuisce alle chiusure sul suo angolo di campo;
De Rossi 7: Grande ritorno per la Roma e un calcio a tutte le chiacchiere. Trasforma una palla vagante in un tocco fatato per il gol di Lamela, strappando persino un applauso a Zeman, e si butta su tutti i palloni con la fame di un tempo;
Pjanic 6: Dopo il gol si abbassa troppo e sparisce tra le linee con Bradley, poi si sveglia al 65′ quando aggredisce lo spazio e assesta un tiro al volo che esce di poco a lato;
Osvaldo 6.5: Si inserisce con grande tenacia e mette una palla a giro ottima al 12′, poi sale in cielo e insacca Amelia con un colpo di testa. Lascia spazio a Destro tra gli applausi;
Totti 7-: Si sacrifica con grande partecipazione e mette dentro una pennellata per Osvaldo che vale il 2-0. Sbaglia il gol del poker in inizio di ripresa, ma mantiene alta la pressione con chiusure degne di un ragazzino per quasi 80′. Imponente;
Lamela 8: Si fa trovare prontissimo sulla palla di De Rossi e supera Amelia con grande freddezza. Al 60′ su ennesimo pasticcio difensivo si ripete con un colpo di testa preciso per uscire dopo poco in una Standing Ovation;
Florenzi 6.5 (dal 67′): Negli ultimi minuti mette a ferro e fuoco la fascia sinistra e riesce a superare persino De Sciglio in un paio di occasioni;
Destro s.v. (dal 67′);
Romagnoli s.v. (dal 79′);
Allenatore Zdenek Zeman 7:
La Roma merita la vittoria, guadagna 3 punti che valgono i 10 persi per colpa degli arbitri (come ha dichiarato Zeman, ndr) e vola a combattere per un posto in Champions.

Milan (4-3-2-1):
Amelia 5.5: Intervento pazzesco su Osvaldo al 12′, poi viene superato più volte, ma senza particolari colpe;
Constant 6: Poteva fare qualcosa di più su Lamela in occasione del quarto gol, ma in generale mantiene la pressione sull’argentino e gioca una partita onesta, sicuramente meglio di alcuni compagni;
Yepes 4: Colpevole su quasi tutti i gol, viene annullato nelle palle alte e poi toglie la palla del 4-3 dai piedi di El Shaarawy. Letteralmente rovina la partita del Milan;
Mexes 6: Partita di ottimo livello, copertura attenta e lucida e abile a trasformare le chiusure difensive in ripartenze. Non esente da colpe in occasione del 3 gol;
De Sciglio 6.5: Ottimo in fase di spinta, il Milan riparte quasi esclusivamente dalla sua fascia. Grande intraprendenza;
Ambrosini 5.5: Solita partita muscolare in pressing prolungato, ma progredisce in un’escalation di fallosità che lo porta alla sostituzione in favore di Muntari;
Nocerino 5: Prova anonima ed è anche colpa sua se il Milan non riesce a uscire dalla propria metà campo;
Montolivo 5.5: Lavoro mediocre nella mediana che inibisce le ripartenze del Milan. Imprecisi i suoi tentativi di impostare il gioco dalla metà campo;
El Shaarawy 6.5: Inizia subito a bomba, ma si fa stregare da Goicoechea al 16′ mangiandosi un gol che avrebbe cambiato la storia della partita. Non demorde e lotta su ogni pallone, uno dei più attivi insieme a De Sciglio;
Robinho 5.5: Ottimo l’assist in occasione della palla gol del 16′, per il resto viene imbrigliato nella maglia della macchina difensiva della Roma e non dà molto alla fase offensiva della squadra. Lascia il posto all’ex Bojan;
Boateng 5.5: Oggetto misterioso per 70′, poi aggredisce Goicoechea con un doppio colpo ravvicinato che non trova fortuna e si spegne tra le mani del portiere;
Pazzini 6.5 (dal 56′): Entra subito in partita e cerca di prendere in controtempo i difensori centrali. A pochi minuti dallo scadere si guadagna un rigore e lo trasforma per il primo gol del Milan, poi ci riprova di testa, favorendo il gol di Bojan;
Bojan Krcic 6.5 (dal 69′): Entra subito in partita e trova una grande risposta di Goicoechea, poi si fa trovare al posto giusto per il tap in del 4-2;
Muntari 5.5 (dal 75′): Unica nota il suo tiro, sula cui ribattuta Pazzini si guadagna un rigore.
Allenatore Massimiliano Allegri 5.5: Il Milan passa da dominare la partita a svenire sotto i colpi giallorossi, per quindi rinascere con dei ruggiti finali. La squadra è scontate e il risultato è negativo.

Scarica l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram