Il Vaticano ha nostalgia di DC

Si sta svolgendo in queste ore l’incontro segreto, anche se ormai è diventato il segreto di Pulcinella, che sancirà la nascita del grande Centro  stile DC,con la benedizione, e forse anche qualcosa di più delle alte sfere del Vaticano. All’incontro oltre agli ex ministri Passera e Ricciardi sono presenti rappresentanti di Italia Futura, il movimento messo in piedi da Luca Cordero di Montezemolo, Pieferdinando Casini leader dell’Unione di Centro ed esponenti di Futuro e Libertà che fa capo a Gianfranco Fini, e naturalmente l’ex presidente del consiglio Mario Monti, vera e propria eminenza grigia attorno alla cui figura ruota l’intero progetto. In particolare sarà quest’ultimo che dovrà rendere pubblici i suoi progetti e sopratutto i modi con cui ha intenzione di entrare nell’agone politico, spendendo in prima persona il suo nome e il suo prestigio per una parte politica.

Endorsement. Un Endorsement quello di Monti alla nascente lista centrista che non ha mancato di attirare le simpatie delle alte sfere vaticane. Infatti ieri sull‘Osservatore Romano si è commentata la discesa in campo di Monti come “il segno  della volontà di recuperare il senso alto e nobile della politica“, parole che oggi ha sposato in pieno il presidente della CEI, cardinal Bagnasco il quale ha detto “Penso che sull‘onestà e capacità di Monti ci sia un riconoscimento comune. Ognuno può avere opinioni diverse, ma penso che su questo piano, sia in Italia sia all’estero, ci siano stati riconoscimenti” per poi aggiungere “penso che tutti siamo più che d’accordo e noi la auspichiamo. Per quanto riguarda i casi particolari, ognuno fa le proprie considerazioni, valutazioni. Auspichiamo veramente che chiunque è nella politica, soprattutto nelle prossime elezioni, faccia una politica alta per il bene del paese“. Parole che ricordano tempi passati che forse credevamo appunto, passati.