Botti di Capodanno killer: animali a rischio

I botti di Capodanno, che rallegreranno l’arrivo dell’anno nuovo costituiscono un killer rumoroso per gli animali. A tal proposito la Lav lancia un appello affinché i sindaci  vietino i botti. Un’altra buona norma per i possessori di animali è quella di non usare i petardi nei luoghi vicino alle abitazioni, giardini, strade, terrazzi ed evitare di lasciare  gli animali soli all’aperto!

Le vittime – Sono migliaia di animali che muoiono vittime d’infarti per lo scoppio dei botti di  fine anno. A spaventare,  le povere bestiole c’è il forte rumore originato dalle esplosioni: un vero e proprio crimine. Un allarme e una corsa contro il tempo… ma come si può evitare che un’occasione di festa, come la notte di San Silvestro,  si trasformi in tragedia?  La Lav,  ovvero la Lega antivivisezione, ha lanciato un appello ai sindaci di tutta Italia e cioè che questi emanino ordinanze che vietino l’utilizzo di petardi, botti e spettacoli  pirotecnici di ogni genere nel territorio di loro competenza. I forti rumori terrorizzano gli animali, spingendoli a delle reazioni istintive e incontrollate e mettendo a repentaglio la loro incolumità.
 
Fauna selvatica in pericolo- Ad essere colpiti non solo sono gli animali domestici, ma  le improvvise deflagrazioni causano incidenti mortali anche alla fauna selvatica: soprattutto per gli uccelli di città. Il rischio maggiore riguarda gli uccelli delle aree urbane che, perdono la vita fuggendo e sbattendo contro qualsiasi ostacolo si presenti loro davanti.