Come non dimenticare le scadenze fiscali di gennaio

Dopo Imu, Natale e feste varie, con l’arrivo di nuovi aumenti, già annunciati dai vari media, e nuove stangate, come ad esempio il fatto che il gas sarà più caro mentre la luce, per nostra fortuna, sarà in calo, e l’annuncio della Tares per aprile ovvero l’attesa di una super tassa per l’igiene ambientale o meglio sui rifiuti solidi urbani che unisce Tarsu e Tia, pare proprio che ci aspetti un 2013 con il botto. Con l’Imu che passerà da statale a comunale, come prevede la legge di stabilità, ed una imminente patrimoniale, sarà bene non farsi prendere dalla voglia di scappare, ma a quanto pare sarà meglio preoccuparsi di una tassa alla volta pensando alle scadenze mese dopo mese.

Cosa dovremmo pagare a gennaio? Concentrandosi, quindi, solo su il primo mese del 2013, gennaio, e non pensando a tutte le altre scadenze in arrivo, ma tenendo ben presente che non si potrà scialacquare, sarà bene ricordarsi che il 10 gennaio sarà l’ultimo giorno per il versamento dei contributi sulle retribuzioni corrisposte alle collaboratrici domestiche nel quarto trimestre del 2012, ma si dovrà anche trasmettere per via telematica i dati contabili delle operazioni effettuate relative al trimestre precedente. Il 15 gennaio sarà la data preposta per l’emissione e la registrazione delle fatture differite relative a beni consegnati o spediti nel mese precedente e risultanti da documento di trasporto o da altro documento idoneo e si dovrà dare comunicazione ai propri sostituiti di voler prestare assistenza fiscale. Il 16 gennaio, invece, vi saranno varie scadenze. In primis è bene sapere che sarà l’ultimo giorno per effettuare i versamenti unificati d’imposte tipo Iva mensile o trimestrale, ritenute e contributi; sarà l’ultimo giorno, anche, per regolarizzare i versamenti d’imposte e ritenute non effettuati o effettuati in maniera insufficiente entro il 17 dicembre 2012; infine coloro che prestano assistenza fiscale ai propri clienti o dipendenti dovranno chiedere loro di comunicare se vogliono avvalersi ancora dell’assistenza fiscale nel 2013. Giovedì 31 gennaio, per chiudere il mese in bellezza ed iniziare al meglio il carnevale, bisognerà compiere una serie di adempimenti. Entro e non oltre tale data si dovrà versare, infatti, il canone Rai 2013 ammontante ad euro 113,50, si dovrà rinnovare il bollo auto per i veicoli con oltre 35kw e i ciclomotori, pagare la tassa sugli spazi pubblici o Tosap, si dovrà, oltretutto, pagare l’assicurazione contro gli infortuni domestici delle casalinghe, per l’anno 2013, ci si dovrà ricordare che vanno revisionati i veicoli immatricolati nel gennaio 2009 e quelli già verificati nel gennaio 2011, non ci si dovrà dimenticare di registrare i contratti di locazione e, infine, ci si dovrà ricordare della possibilità di richiedere la moratoria sui Mutui.

Una buona notizia. Da gennaio aumenteranno i bonus elettrici per le famiglie a basso reddito e numerose ed il bonus riguarderà anche il gas e sarà rinnovato con effetto retroattivo anche il bonus elettrico per i malati che necessitano di apparecchiature elettromedicali per la vita. La bolletta della luce, o energia elettrica, scenderà circa dell’1.4% e da aprile, si spera, la diminuzione potrà arrivare a toccare addirittura il 7 o l’8%.

photo credit: marco_ask via photopin cc