L’orlo argenteo delle nuvole: l’audizione via Skype di Jennifer Lawrence e la bravura del cast

“L’orlo argenteo delle nuvole” potrebbe rivelarsi uno degli outsiders nella notte degli Oscar, grazie all’ottima regia di David O’Russell e alle interpretazionidi Bradley Cooper, Jennifer Lawrence e Robert De Niro.
Il film, tratto dal romanzo di Matthew Quick, racconta il ritorno a casa di Pat (Cooper) dopo un periodo di cura in un ospedale psichiatrico, a causa di un disturbo bipolare. L’uomo vorrebbe riconquistare l’ex moglie e, nel frattempo, conosce la vicina di casa Tiffany (Lawrence), rimasta vedova e afflitta da nevrosi.
Il regista ha recentemente spiegato, durante una serata in onore di Robert De Niro (nel lungometraggio interpreta il padre di Pat), che conosce da vicino il disturbo bipolare perché ne soffre il figlio, afflitto anche da disturbo ossessivo compulsivo e Asperger, e questa sua consapevolezza sulle delicate tematiche ha spinto il produttore Harvey Weinstein a offrirgli l’adattamento cinematografico del romanzo.

In un’intervista rilasciata a Hitfix, O’Russell ha inoltre lodato la bravura del suo cast, in grado di calarsi in personaggi così distanti dalla loro personalità reale.
Jennifer Lawrence, sopratutto, ha conquistato completamente il filmmaker convincendolo durante un’audizione svoltasi via Skype, nonostante sia molto più giovane di Tiffany.
Il regista ha raccontato anche la bravura di De Niro che è stato in grado di aggiungere dei momenti molto emozionanti non previsti dalla sceneggiatura, ma frutto di una risposta istintiva alle scene che stavano girando.
L’attore ha anche aiutato Bradley Cooper, che aveva conosciuto sul set di “Limitless”, aiutandolo a credere nelle proprie capacità e guidandolo verso la giusta direzione nel calarsi nel personaggio di Pat, dando vita a una perfetta dinamica padre-figlio sul grande schermo.
David O’Russell inizierà le riprese del suo prossimo film nel mese di febbraio e il progetto avrà come protagonisti Christian Bale, Amy Adams, Bradley Cooper e Jeremy Davies in una storia ambientata negli anni Settanta a New York.
In futuro, però, il regista vuole collaborare ancora con Jennifer Lawrence e l’occasione giusta potrebbe essere un’idea a cui sta lavorando da lungo tempo, ma di cui non ha voluto rivelare i dettagli.