Calciomercato Milan, Robinho sta per dire addio: parola di Raiola

Calciomercato Milan – Addio doveva essere, addio sarà: nel prossimo mercato invernale, Robinho si congederà dal Milan e farà ritorno (per la seconda volta) al Santos. Dalle pagine del quotidiano Il Mattino, Mino Raiola ha confermato quello che, di fatto, era nell’aria da diverse settimane: dopo Pato, ormai ad un passo dal Corinthians, il reparto avanzato di Allegri perderà un altro pezzo pregiato. “Sarà un mercato povero, i grandi giocatori non si muovono mai a gennaio – le parole del super procuratore di origini campane – . Ibrahimovic e Balotelli restano dove sono, Robinho lascerà il Milan, Cavani non si sposta da Napoli“.

Ballano 3 milioni – La missione di Galliani in Brasile si concluderà come meglio (per le casse del club di via Turati) non avrebbe potuto. Nonostante le smentite di qualche giorno fa, infatti, il Santos sta facendo di tutto per riabbracciare il figliol prodigo Robinho. Dopo qualche ora di riflessione, il club paulista ha alzato la posta, arrivando ad offrire 7 milioni di euro: l’amministratore delegato del Milan, fermo alla richiesta iniziale di 10, ha chiamato in suo soccorso proprio Raiola, che ieri è volato alla volta del Sudamerica per mettere d’accordo le due società. Poi toccherà al giocatore trovare un’intesa con il suo ex club, ma si tratta di una formalità.

A titolo definitivo – Ancora più vicino, se non praticamente concluso, il trasferimento di Pato al Corinthians. Come spiegato da Gilmar Veloz, nella giornata di domani verrà messo nero su bianco: “Definiremo il passaggio di Alexandre al Timao entro un paio di giorni – ha confermato ieri sera l’agente del Papero – . Ho una riunione con Galliani per chiudere il tutto. Tengo a precisare che sarà una cessione a titolo definitivo: abbiamo ricevuto molte offerte ma abbiamo scelto il Corinthians“. Il Milan incasserà 15 milioni, cui andranno ad aggiungersi gli 8-9 in arrivo dalla cessione di Robinho: un tesoretto importante, che dovrà essere reinvestito (almeno in parte) già a gennaio.

photo credit: GregPC via photopin cc