Ritrovato a Londra un quadro di Matisse da 1 milione di dollari

Recuperato un dipinto rubato a Stoccolma nel 1987 del valore di un milione di dollari. Si tratta di un’opera del pittore impressionista francese Henri Matisse, uno dei più grandi capolavori sottratti alla collettività, che verrà presto rimpatriato in Svezia.

Il ritrovamento – “Il giardino” di Matisse è un quadro troppo famoso. Questa era l’opinione di uno dei curatori del museo in cui era stato rubato 25 anni fa. Secondo gli esperi sarebbe stato impossibile per i ladri riuscire a piazzarlo sui mercati di vendita di opere d’arte. Sarebbe stato subito riconosciuto e infatti così e stato. Il ritrovamento è avvenuto quando l’opera, in possesso di un collezionista polacco, è stata offerta poco prima di Natale ad un rivenditore in Essex, nel Regno Unito. Il quadro è stato subito notato. Charles Roberts, del Charles Fine Art, ha voluto compiere una ricerca e si è affidato all’Art Loss Register (ALR), un catalogo che mostra dettagliatamente molte opere d’arte rubate. Tra queste c’era “Le jardin”, così il compito del recupero è stato affidato a Christopher Marinello, uno degli esperti dell’agenzia londinese, che ha negoziato la restituzione dell’opera, riuscendo a convincere il venditore a consegnarla senza richiedere una qualsiasi forma di compenso.

Un destino inevitabile – Il giardino era stato rubato nel 1987, quando dei ladri avevano sfondato l’ingresso del museo dove era custodito con una mazza, per svitare l’opera dal muro senza fare scattare l’allarme, che è partito solo dieci minuti più tardi. Da allora sono arrivate numerose richieste di riscatto, sempre rifiutate dal governo svedese, perché era chiaro che i malviventi non sarebbero riusciti a rivendere l’opera. “Queste opere d’arte rubate non hanno alcun valore sul mercato e alla fine torneranno” ha detto Marinello, l’esperto che ha recuperato il lavoro di Matisse “si tratta solo di aspettare che saltino fuori.” Così infatti è stato e siccome il quadro, di proprietà del governo svedese, non era assicurato, l’ALR non riceverà alcuna percentuale per lo straordinario lavoro di ritrovamento e recupero. Quindi verrà restituito gratuitamente a Stoccolma nel giro di qualche settimana. Marinello però non sembra scontento. “Diciamo solo che questo è stato un regalo di Natale per il popolo della Svezia”.