Omicidio-suicidio per gelosia nel pavese

È ancora una volta la gelosia il movente per un omicidio – suicidio verificatosi ieri sera a Miradolo Terme, piccola località in provincia di Pavia, dove hanno perso la vita due uomini incensurati.

Omicidio – suicidio a Miradolo Terme, dramma delle gelosia – Erano le 20.30 circa di ieri sera quando l’aggressore, Domenico Siviglia, un venditore d’auto incensurato di 45 anni, ha atteso il presunto rivale in amore e gli ha esploso contro quattro colpi di pistola con una Beretta calibro 7,65 e una P14-p45 regolarmente detenute. La vittima è Fabio Facchini, 48enne dentista. Siviglia sospettava che la fidanzata 24enne, che lavorava come odontoiatra presso lo studio del dentista, avesse una relazione clandestina con lo stesso Facchini.

La ricostruzione del fatto – L’aggressore ha sparato senza colpo ferire al suo rivale, proprio davanti agli occhi impietriti della sua fidanzata. La ragazza di soli 24 anni, che temeva di essere anche lei bersaglio della furia omicida del fidanzato, ha temuto per l’incolumità della sua vita. Poi, il gesto estremo dell’uomo che ha rivolto una delle due pistole verso se stesso ed ha fatto fuoco.

L’arrivo dei carabinieri e la testimonianza della ragazza – Gli spari sono stati sentiti da alcuni passanti che hanno subito chiamato i carabinieri e i soccorsi sanitari del 118. Arrivati sul luogo, gli uomini delle forze dell’ordine hanno potuto solo constatare il decesso dei due uomini e hanno raccolto la testimonianza dell’unica testimone oculare, ovvero la fidanzata di Siviglia che ha negato qualsiasi relazione tra lei e il dentista.