Calciomercato Roma, Sabatini e Baldini respingono le offerte

Calciomercato Roma – La Roma sembra essere uno dei club meno attivi sul mercato, in un certo senso anche per sua scelta. Sul fronte entrate è tutto fermo, anche perchè si ritiene (erroneamente) che non serva nulla, mentre dal punto di vista delle partenze non si intende cedere a buon prezzo gente di livello che ha mostrato disagio per il suo scarso utilizzo.

I no di gennaio – Stekelenbung, Burdisso e Mattia Destro, vicini rispettivamente al Fulham, Napoli e Milan, sono stati stoppati prima anche solo di pensare di fare le valigie. Il portiere olandese partirà solo per un’offerta congrua, che permetta di non creare problemi al piano d’ammortamente programmato per il suo acquisto. Per il centrale argentino il discorso è differente, non si vuole rafforzare quella che si considera una diretta concorrente, inoltre Zeman vorrebbe un’alternativa di valore per la sua martoriata difesa. Il discorso per Destro è diametralmente opposto: l’investimento fatto è di quelli pesanti e questo primo anno è considerato semplicemente di ambientamento, come lo scorso per gente come Lamela e Pjanic.

Partenza – L’unico che sembra destinato a salutare è il pur bravo Marquinho, il quale vuole giocare di più e per farlo è disposto a tornare in patria, destinazione Gremio. La formula dovrebbe essere quella del prestito oneroso da 2 milioni con diritto di riscatto fissato alla stessa cifra. Resta vuota e probabilmente è destinata a restare tale la casella delle entrate, senza badare al fatto che le avversarie si stanno muovendo e il loro livello tecnico aumenterà. Mister Zeman odia il mercato di gennaio, Sabatini lavora già in vista dell’estate, senza sapere se questa sarà l’ennesima stagione del rilancio mancato.