Samsung, anno da record: batte per gradimento l’iPhone 5 di Apple

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:00

Il 2012 è stato un anno decisamente positivo per l’azienda sudcoreana Samsung, che ha pubblicato i dati relativi al fatturato dell’ultimo quarto del 2012. E intanto una ricerca di Consumer Reports, mostra come l’iPhone 5 non sia il telefono più amato dagli americani.

Inarrestabile – 53 miliardi di dollari di fatturato, di cui 8 solo di profitti. Queste le cifre dell’ultima frazione dell’anno appena concluso per Samsung, trainata dal successo esplosivo della gamma Galaxy, che ha fatto registrare un record delle vendite. Parliamo di una crescita dell’89% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, che era stato già molto positivo, con la vendita di ben 8 milioni di Galaxy Note 2 e 33 di Galaxy S 3, di cui 15 solo negli ultimi 3 mesi del 2012. Facendo i conti si arriva a 63 milioni di dispositivi (di ogni serie) venduti in tutto il mondo, una vera sorpresa anche per chi già pronosticava un andamento eccellente. La fortuna di Samsung deriva comunque non solo dalla vendita dei modelli più costosi, ma anche dall’ampia scelta dei suoi prodotti, che abbracciano tutte le fasce di prezzo.

Il gradimento negli Usa – Dall’altra parte della barricata c’è il rivale del Galaxy S 3, l’iPhone 5 di Apple, che ha deluso un po’ le aspettative. Annunciato come “l’evento più importante dopo la comparsa del primo iPhone”, non ha raccolto in casa i consensi che si aspettavano da Cupertino. Negli Stati Uniti, dove la maggior parte dei telefoni top di gamma viene venduta con contratti telefonici, è risultato che gli utenti preferiscono altri dispositivi al gioiello dell’azienda californiana. Un’analisi di Consumer Reports, pubblicata su Businessinsider, evidenzia come stanno le cose e così i modelli Optimus di LG, Galaxy S 3 di Samsung, One S di HTC, Droid Razr Maxx HD e Droid Razr HD di Motorola, hanno superato per gradimento l’iPhone 5 in diverse classifiche divise per compagnia telefonica di riferimento. Le aziende prese sotto esame sono: AT&T, Sprint, T-Mobile e Verizon e anche se il distacco tra il dispositivo della Apple e la concorrenza non sia così marcato, a Cupertino questo risultato sarà probabilmente visto come una piccola sconfitta dato che, soprattutto nel mercato statunitense, il loro costoso smartphone era stato costruito per sbaragliare la concorrenza.