Calciomercato Milan, sgarbo all’Inter: Lodi per giugno

Calciomercato Milan – Si intrecciano spesso ultimamente le strade di mercato di Milan e Inter: l’ultimo esempio è l’affareSaponara, a lungo seguito dai nerazzurri e poi bloccato dai rossoneri con una trattativa lampo. Stesso scenario potrebbe verificarsi con un altro degli obbiettivi del club di Moratti: si tratta di Francesco Lodi, playmaker del Catania che da diverso tempo si è attestato su livelli di rendimento molto alti. Il Milan ha incontrato il suo agente per testare la possibilità di un suo passaggio in rossonero, ma solo per fine stagione. Altro giocatore che piace al Milan, per stessa ammissione di Berlusconi, e che è legato all’Inter è Davide Santon, che in queste ore parlerà con la dirigenza del Newcastle per capire quali siano le condizioni di una sua cessione.

Regista – Dopo l’addio di Pirlo, il Milan non è riuscito a trovare un giocatore che, anche lontanamente, potesse avvicinarsi alle caratteristiche del centrocampista ora della Juventus. Allegri ha sempre dimostrato di preferire un giocatore più muscolare davanti alla difesa, ma dalla prossima stagione si potrebbe tornare alle origini: Alessandro Moggi, agente del catanese, è stato oggi nella sede del club meneghino per discutere, oltre che di Zaccardo, anche del regista rossoazzurro. Secondo Sky Sport 24 la trattativa riguarderebbe però il mercato estivo, poichè Pulvirenti ha detto a chiare lettere come sino a giugno nessuno dei suoi si muoverà. Non sarà un Under 22, ma il costo non è proibitivo.

Terzini – Col passare del tempo prende sempre più piede l’ipotesi di un trasferimento in Russia di Ignazio Abate: Luciano Spalletti lo vorrebbe allo Zenit San Pietroburgo, ma esiste ancora una certa distanza tra l’offerta (10 milioni) e la richiesta (15 milioni). Se lo Zenit dovesse colmare il gap di 5 milioni, si potrebbe sbloccare anche l’affare Santon. Il procuratore dell’ex Inter, Claudio Vigorelli, incontra in queste ore la dirigenza del Newcastle per capire le condizioni per la cessione. Si parla di circa 7-8 milioni di euro, che potrebbero uscire se entrassero quelli dalla Russia.

photo credit: SiciliaToday via photopin cc