Come farsi beccare con facilità: la Top 5 dei ladri meno furbi del mondo

Ci sono i geni del furto – quelli alla Arsenio Lupin, che sanno progettare piani complessi e intricati, portarli a termine e uscirne per giunta puliti. E poi ci sono quelli meno furbi (concedeteci l’eufemismo) che invece sembra facciano del loro meglio per farsi beccare – e spesso per colpi da quattro soldi. Il sito Listverse ha pubblicato una lista dei casi più eclatanti al mondo di inettitudine “ladronistica”; vi riportiamo qui di seguito una selezione dei cinque migliori.

1 – Charles Taylor di Wichita, Kansas, era stato arrestato per aver rubato un paio di scarponi da trekking da un negozio, nel dicembre del 1996. Tre mesi dopo, al suo processo, mise arrogantemente i piedi sulla sbarra degli imputati: il giudice, incredulo, dovette constatare che le scarpe che stava indossando erano le stesse di cui era stato denunciato il furto.

2 – David Goodhall, nel novembre del ’78, entrò con due complici donna in un negozio di Barnsley, South Yorkshire. Dopo aver taccheggiato un po’, i tre hanno pensato bene di andarsene passando ognuno per un uscita diversa del negozio. Tutti e tre, però, furono fermati all’istante da guardie giurate. I tre ladri, in effetti, non si erano accorti che il negozio stava ospitando proprio in quel momento una convention di guardie giurate.

3 – Charles A. Meriweather irruppe in una casa di Northwest Baltimore, nella notte tra il 22 e il 23 Novembre 1978, stuprò la donna che viveva lì e saccheggiò la casa. Magro, però, il bottino: 11.50 dollari. Il ragazzo chiese alla donna come faceva a pagare le bollette, e lei rispose: “Con gli assegni“. Lui, allora, le fece compilare un assegno da 50 dollari. “A chi devo intestarlo?“, chiese la donna. “A Charles A. Meriweather – disse il ragazzo -. Ed è meglio per te che non me lo rifiutino”. Poche ore dopo, il ragazzo fu arrestato.

4 – Nel 1977, un ladro di Southampton (Inghilterra), mise in atto un astuto meccanismo per rubare il contenuto della cassa di un supermarket locale. Dopo aver preso alcuni prodotti dagli scaffali, come un normale cliente, si avvicinò alla cassa, e mise sul bancone una banconota da 10 sterline per pagare il conto. Il commesso aprì la cassa, e con grande rapidità l’astuto ladro ne rubò l’intero contenuto. Peccato che alla fine si sia rivelato un pessimo affare: nella cassa c’erano solo 4,37 sterline, mentre il ladro – con il suo astuto piano – ne aveva perse 10.

5 – Nella notte tra il  23 e il 24 agosto 1980, a Chichester, Sussex, una banda di ladri rubò una barca . Con la stessa, i malfattori attraversarono il lago cavalcando i loro sci d’acqua, fino ad arrivare all’ufficio contenente la cassaforte del centro sportivo locale. Presa l’attrezzatura, si misero subito al lavoro sulla cassaforte: peccato che quelli che credevano attrezzi da scassinatori erano in realtà attrezzi da saldatori. Furono loro stessi – invece di scassinarla – a sigillare in maniera ben salda la cassaforte. La mattina successiva, il personale dell’ufficio ci mise un’ora – martello e scalpello alla mano – per riaprirla.

photo credit: CarbonNYC via photopin cc