Elezioni 2013: Sandro Ruotolo si candida con Ingroia

Continuano a fioccare i nomi dei candidati nelle varie liste in vista delle elezioni politiche 2013, che si terranno il prossimo 24 e 25 febbraio. Tra i vari nomi che in questi giorni si sono susseguiti, l’ultimo ad essere aggiunto alla lista è quello del giornalista Sandro Ruotolo che ha confermato la sua decisione di candidarsi con la lista Rivoluzione Civile al fianco dell’ex procuratore di Palermo, Antonio Ingroia.

Sandro Ruotolo si candida al fianco di Antonio Ingroia – “Antonio, io ci sto” – è proprio con queste parole che il giornalista di Servizio Pubblico ha risposto all’invito lanciatogli via Twitter dall’ex procuratore di Palermo Ingroia, confermando così la sua intenzione di candidarsi con la lista Rivoluzione Civile. Sandro Ruotolo ha poi voluto esprimere il suo ringraziamento nei confronti del leader della lista di cui ora fa parte, che tanto l’ha voluto al suo fianco, scrivendo una lettera aperta, che è stata pubblicata all’interno del sito di Rivoluzione civile. “Ci ho pensato e riflettuto dopo aver firmato l’appello ‘Io ci sto’ con il quale donne e uomini della società civile si sono impegnati a sostenere il progetto per costruire un’alternativa di governo al berlusconismo e alle politiche liberiste del governo Monti. Non ho tessere di partito in tasca, l’unica che ho è quella dell’Anpi, dell’associazione nazionale dei partigiani, perché penso al loro sacrificio ogni volta che sento pronunciare la parola Costituzione, la più bella del mondo come l’ha definita Roberto Benigni” ha scritto Ruotolo nella sua lettera.

Con Rivoluzione Civile per portare avanti i sogni di Monicelli e di Grassi – In particolare, il giornalista che da anni oramai è al fianco e collabora con Michele Santoro, ha sottolineato le battaglie, sue e di altri come lui, per difendere l’articolo 21 della nostra Costituzione, quello che garantisce la libertà di pensiero, la libertà di informare e di essere informati. “C’è bisogno di libertà nel nostro Paese ma in gran parte del territorio nazionale questa libertà viene preclusa dalla presenza delle mafie e delle illegalità, dalle cricche che hanno impoverito la nostra terra”. E, ricordando Mario Monicelli che auspicava una ‘bella rivoluzione’ qui in Italia e Libero Grassi che diceva ‘cattivi politici producono cattive leggi, buoni politici, buone leggi’, Sandro Ruotolo, nella sua lettera, ha confermato la sua volontà a candidarsi nella lista Rivoluzione Civile perché questa lista “può significare la nascita di un movimento che porta al rinnovamento generale dei partiti e che, nonostante un giornalista deve essere indipendente, la presenza in Parlamento di Rivoluzione Civile potrà realizzare i sogni di Mario e di Libero”.