Meteo: previsioni del tempo di oggi, venerdì 18 gennaio

Previsioni del tempo di oggi. – Continua per il momento a mantenersi stabile il maltempo su tutta la penisola, a causa della vasta circolazione depressionaria provocata da correnti di aria fredda provenienti dall’Europa centro-settentrionale. Nelle alte quote imperversano anche nuovi abbassamenti repentini di temperatura, in particolare nelle regioni centrali. Su tutta l’Italia le temperature sono in progressiva diminuzione, fenomeno che interessa particolarmente i valori minimi.
I venti sono in generale moderati, ma forti sulle regioni meridionali e sulla Sardegna. I mari più agitati sono il Tirreno centromeridionale e le acque dello Stretto di Messina e dello Jonio. Da poco mossi a mossi il Mar Ligure e l’alto Mare Adriatico. Molto mossi gli altri mari.

Nord. – Su tutte le regioni si prevedono ampie schiarite, ma la nuvolosità è in aumento sul settore alpino occidentale, dove si prevedono in giornata anche locali nevicate verso gli orari notturni. Allerta meteo dunque per le zone che si trovano a quota elevata, e la Protezione Civile raccomanda di ricordare l’accorgimento delle catene da neve da tenere sempre in auto, a titolo precauzionale.

Centro e Sardegna. Frequenti rovesci pioggiaschi su tutte le regioni adriatiche, associati ai fenomeni che stanno riguardando i venti e le correnti provenienti dalle aree del centro e del Nord Europa. Potrebbero esserci addirittura rovesci nevosi, soprattutto a quote di livello collinare. Anche le pianure potrebbero essere interessate da qualche nevicata, possibile soprattutto sulle Marche durante la mattina. Miglioramenti previsti per le ore pomeridiane.

Sud e Sicilia. Ancora maltempo previsto anche nelle regioni del Sud dell’Italia, con precipitazioni che riguarderanno soprattutto le coste del Tirreno. Dalla sera, però, sono previsti miglioramenti dei fenomeni meteorologici, e una certa attenuazione della nuvolosità. Tempo che si farà più mite soprattutto nelle zone della Campania e dell’Ovest della Sicilia. C’è da sperare, dunque, che il pericolo di un inverno particolarmente rigido volga al termine in questi giorni.