Elezioni 2013: Berlusconi candida Augusto Minzolini in Liguria per il Senato

Il suo nome è spuntato ieri in tarda serata e poi oggi la notizia ha avuto conferma: Augusto Minzolini sarà l’uomo di Silvio Berlusconi in Liguria. Il giornalista, ex direttore del Tg1, sarà candidato al Senato per il Pdl nella regione ligure.

Augusto Minzolini candidato con Berlusconi – “Mi sentivo emarginato, messo da parte: ora potrò dire la mia, ha detto il giornalista. Per 30 anni ho seguito da giornalista le varie campagne elettorali e questa sarebbe stata la prima volta che non potevo dire la mia, mi sentivo come se qualcuno mi avesse messo un bavaglio”. Sono state queste le prime dichiarazioni di Augusto Minzolini subito dopo che le prime testate giornalistiche stavano diffondendo la notizia della sua candidatura al fianco del Cavaliere, come candidato al Senato in Liguria. La scelta del fido Minzolini sarebbe stata voluta proprio dall’ex premier Silvio Berlusconi, candidandolo in una regione difficile, come la Liguria, dove, dopo la defezione di Scajola, che ha deciso di ritirarsi, il Pdl ligure aveva minacciato di far convergere i loro voti sul candidato della lista Scelta Civica di Mario Monti.

Giornalisti e politica – In queste elezioni politiche 2013, il binomio giornalismo e politica si è fatto sempre più stretto. I partiti politici hanno, infatti, preso a piene mani i propri candidati dal mondo del giornalismo e molti sono stati i giornalisti che hanno accettato le offerte che sono loro arrivate, decidendo di dedicare la loro vita alla politica. Augusto Minzolini, ex direttore del Tg1, dove era stato a capo fino al 13 dicembre del 2011, fino a quanto non è stato rinviato a giudizio per peculato nei confronti dell’azienda, è solo l’ultimo nome della lunga lista dei giornalisti prestati alla politica: a questo si aggiungono Maurizio Torealta, nella lista di Rivoluzione Civile al fianco dell’ex magistrato Antonio Ingroia; e ancora, sempre nella stessa lista, vi è iscritto il nome di Sandro Ruotolo, il braccio destro di Michele Santoro, che ha deciso di abbandonare la nave di ‘Servizio Pubblico’ per dedicarsi ad una carriera in politica. E ancora Saverio Lodato e Sandra Amurri, giornalista e blogger del Fatto Quotidiano, in lista con Rivoluzione Civile, e poi il direttore di Rainews, Corradino Mineo che sarà tra le fila del Pd, mentre Mario Sechi, direttore del Tempo, sarà candidato nella lista di Mario Monti. L’elenco dei giornalisti prestati alla politica continua con il nome di Roberto Natale, ex presidente del sindacato dei giornalisti, che già a dicembre aveva annunciato la sua intenzione di correre con Sel, così come l’editorialista del Manifesto Ida Dominijanni. Nel Pd correrà invece il vicedirettore del Corriere della Sera, Massimo Mucchetti, e la giornalista del Mattino, Rosaria Capacchione, che sarà capolista in Campania.

Caso a parte è quello che vede protagonista Oscar Giannino che è candidato premier nella lista Fare per Fermare il Declino (FID), movimento d’opinione fondato da lui stesso nell’estate scorsa.