I giovani cinesi ora guadagnano di più dei giovani italiani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:14

Mentre l’Europa arranca nella sua crisi finanziaria, la Cina cresce e non aspetta nessuno. Così, da un’indagine dell’istituto elvetico Credit Suisse, risulta che i giovani italiani guadagnano meno dei loro coetanei cinesi, l’ennesimo sorpasso del colosso asiatico sui concorrenti occidentali.

Accelerazione e sorpasso – Il dato allarmante arriva dall’Emerging consumer survey 2013, commissionato a Nielsen da Credit Suisse. L’indagine della banca svizzera ha coinvolto 14 mila persone sparse in otto paesi: Brasile, Russia, India, Cina, Turchia, Arabia Saudita, Indonesia e Sud Africa. Dallo studio risulta che i trentenni cinesi guadagnano in media 1.100 euro al mese, cioè il 15% in più rispetto ai loro genitori. Solo il 4,1% della popolazione tra i 19 e i 29 anni è senza lavoro. Il che fa subito pensare al nostro paese e ai suoi problemi. Da noi, secondo l’Istat, a novembre la disoccupazione dei giovani ha raggiunto il 37,1%, mentre il salario di chi di loro lavora si aggira sugli 823 euro mensili per le stime di Datagiovani.

Per chi non vuole investire nell’istruzione – Secondo Credit Suisse i motivi che hanno determinato il sorpasso sono diversi. Innanzitutto l’istruzione, che in Cina è vista come una priorità, oltre al grande sviluppo in ambito tecnologico, in cui i cinesi sono sempre più esperti. Inoltre la migrazione dalle campagne alle città e il serbatoio di giovani che si è creato per le grandi aziende cinesi, che possono contare su un grande mercato interno, hanno accelerato la crescita dei salari dei nuovi lavoratori. E fa riflettere la decisione del miliardario Jack Ma, fondatore di Alibaba, il sito di e-commerce più popolare in Cina, che ha scelto di lasciare la sua posizione di fondatore e amministratore delegato, per passare alla cattedra di dirigente, per motivi che in Italia sarebbe molto difficile sentire. “Le mie dimissioni da fondatore e amministratore delegato” ha incominciato Ma, in una e-mail per i dipendenti “non sono state una decisione facile.” Quindi più avanti ha spiegato il perché del suo addio “Vedo che i giovani dipendenti di Alibaba hanno sogni più belli e brillanti dei miei, e sono più capaci di costruire un futuro che gli appartiene”. 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!