Lecce: calciatore 34enne muore sul campo

Una nuova tragedia ha scosso quest’oggi, domenica 27 gennaio, il mondo del calcio. Un calciatore di 34 anni della squadra del Soleto è morto dopo essere stato colto da malore in campo durante la partita contro il Don Bosco Corigliano, nel campionato di seconda categoria.

Morto in campo per un malore – Il calciatore, Alessio Miceli, mentre stava svolgendo un’azione di gioco, si è accasciato al suolo, senza che fosse colpito da nessun avversario. Subito si è pensato al peggio. I compagni di squadra di Alessio Miceli sono corsi a soccorrerlo, e così anche lo staff tecnico e medico del Soleto, squadra nella quale il calciatore giocava da alcuni anni. Secondo la ricostruzione dei compagni di squadra. Miceli si sarebbe accasciato per due volte in campo, prima di perdere conoscenza: la prima volta sembrava che il giocatore si fosse fermato per allacciarsi una scarpa, poi si è rialzato ma è ricaduto sul manto erboso.

La corsa in ospedale e la morte per aneurisma cerebrale – I soccorsi sono scattati immediatamente, ma le sue condizioni sono sembrate subito critiche. Il calciatore 34enne del Soleto è morto nell’ambulanza, durante il trasporto nell’ospedale di Galatina. A provocare il decesso potrebbe essere stato con molta probabilità un aneurisma cerebrale. A riferirlo alla stampa è stato il sindaco di Soleto, Elio Serra, in un comunicato emanato dopo aver incontrato lo staff medico della squadra salentina.