Ruzzle: i migliori trucchi (più o meno leciti) per fare punti e vincere

Se non siete ancora stati travolti dalla Ruzzle-mania, preparatevi: toccherà anche a voi. E’ matematico, prima o poi ci cascano tutti (compreso chi vi scrive). Il gioco più in voga del momento – che Gerry Scotti vuole portare in tv e che ha dato persino vita a dei gruppi di sostegno su internet – sta facendo la fortuna di Mag Interactive (la startup finlandese che l’ha creato), con oltre 20 milioni di utenti e il primo posto nelle classifiche di App Store e Google Play. Visto che la sfida non è con un computer, ma con altri avversari in carne ed ossa collegati via internet, vincere a Ruzzle è diventato un imperativo per tutti coloro che amano sbeffeggiare il prossimo senza pietà. Di seguito riportiamo alcuni utili trucchi e accorgimenti riportati su Wired e altri siti Internet (leciti e non), che vi aiuteranno ad accumulare punteggio.

CONSIGLI LECITI

1 – Provarle tutte

Il vocabolario di Ruzzle è estesissimo, e comprende molte parole che probabilmente non conoscete. Se ci sono delle varianti improbabili a delle parole di vostra conoscenza, provatele tutte: rimarrete sorpresi della vostra ignoranza.

2 – Non tralasciare i monosillabi

Se ogni punto è indispensabile, non bisogna assolutamente trascurare le parole di due/tre lettere: in uno schema di Ruzzle ce ne sono a bizzeffe, e possono aiutarvi a recuperare punti preziosi. Alcuni partono proprio proprio dai monosillabi, altri li lasciano alla fine. Questione di metodo.

3 – Iniziare dagli angoli

E’ bene avere metodo e non procedere in maniera casuale. Per questo, molti suggeriscono di partire dalle lettere agli angoli, e formare tutte le possibili combinazioni di parole ad esse collegate.

4 – Declinare e coniugare

Quando ci si imbatte in un verbo, è probabile che delle lettere nei paraggi consentano anche di comporre delle forme coniugate del verbo stesso. Lo stesso dicasi per le parole, che troviamo spesso in più forme flesse (maschile, femminile, singolare, plurale).

5 – Puntare sui Jolly

E’ molto importante cercare di sfruttare le lettere jolly; quelle lettere, cioè, che inserite nelle parole danno un punteggio maggiore. Sono contrassegnate da pallini di vario colore. Questa la legenda: DL, doppio punteggio della lettera usata; TL, triplo punteggio della lettera; DW, doppio punteggio della parola; TW, triplo punteggio

6 – Sfruttare la terza manche

I più affezionati giocatori avranno notato che la terza manche, di solito, è quella più proficua. I punteggi del terzo turno tendono ad essere sensibilmente più alti di quelli dei due precedenti, perché c’è una maggior quantità di lettere jolly e perché anche le singole lettere semplici danno un punteggio più significativo. Questa, dunque, è la manche in cui dovete sfruttare al massimo la vostra concentrazione.

 

CONSIGLI ILLECITI (ma noi non vi abbiamo detto niente)

1 – L’auto-telefonata

Se fate uno screenshot dello schema delle lettere (premendo contemporaneamente entrambi i tasti esterni, per esempio, nel caso di un iPhone), potete poi sospendere la partita chiamandovi da un altro apparecchio telefonico: fate fare uno squillo e poi staccate la chiamata . In questo modo il gioco andrà automaticamente in pausa, e comparirà sullo schermo la frase “Tocca lo schermo per riprendere la partita”. Voi, che siete dei volponi, invece di riprendere la partita uscirete dall’app premendo il tasto home. In questo modo, potrete ristudiarvi lo schema delle lettere fotografato e trovare tutte le combinazioni possibili, da inserire con tranquillità una volta ripreso il gioco.

2 – Siti e App per veri pigri

Se il trucco scorretto numero 1 non vi è bastato, potete toccare il fondo integrandolo con aiuti esterni: invece di trovare voi stessi le parole, ci sono app e siti internet che lo fanno per voi. Sull’App Store trovate Ruzzle Cheat Cheat for Ruzzle;
su Google Play ci sono Ruzzle Help, Ruzzle Resolver e  Ruzzle & Scramble Cheat. Sul web, invece, potete andare su questo sito, o anche qui. Dopo tali turpitudini, però, la confessione è obbligatoria.