Facebook, 200 dollari alla figlia per lasciare il social network

Astenersi da Facebook per cinque mesi: quale ragazzo sano di mente rinuncerebbe alle gioie del social network più in voga del momento, semplicemente perché a non volerlo sono i propri genitori? Eppure, se a mettersi di mezzo è la grana, tutto diventa possibile ed il caso presentato è emblematico: un padre di Boston ha stipulato con la figlia 14enne un contratto che prevede, in cambio di 200 dollari, l’abbandono del social network. Paul Baier, il genitore in questione, ha firmato e postato il contratto direttamente sul suo blog, sotto il titolo di “Facebook Deactivation Agreement”. Ad essere ben evidenziati sono i particolari termini di questo patto: la giovanissima Rachel dovrà astenersi da Facebook per cinque mesi, riceverà la prima rata da 50 dollari non prima del 26 aprile ed il saldo completo a distanza di due mesi.

Paul Baier, alto dirigente di una società del Massachussets, da bravo uomo d’affari ha poi pensato di prevenire eventuali accessi furtivi dell’adolescente, modificando la password del suo account. In questa singolare vicenda a stupire ancor di più è il fatto che dietro al contratto vi sarebbe la mente ancor più contorta della piccola Rachel, la quale avrebbe colto tale occasione  per guadagnare dei soldi e prendersi una pausa da Facebook, da lei ritenuto una forte distrazione e talvolta una perdita di tempo. Rachel Bauer non è però un caso isolato: sempre di più sono infatti gli utenti, circa il 61% tra gli over 18, che decidono di prendersi una “pausa di riflessione” dal social network, a causa del poco tempo libero mal speso dietro Facebook…