I Quintorigo a Prato omaggiano Jimi Hendrix

I Quintorigo arrivano a Officina Giovani di Prato venerdì 22 febbraio, alle 22.00, nell’ambito della rassegna “Cose Molto Particolari”, a cura di Fonderia Cultart e del Comune di Prato. Si tratta di una tappa del tour relativo al recentemente pubblicato “Quintorigo Experience”, album in cui la band offre un suo personalissimo omaggio a Jimi Hendrix e alla vera rivoluzione che il chitarrista statunitense ha determinato nella musica del ‘900.

I Quintorigo, celebri per l’abilità strumentale e per il loro approccio musicale decisamente contaminato, e sempre divertito, al crocevia tra rock, jazz e classica, ritornano quindi a stravolgere il repertorio altrui, dopo il successo dell’analoga operazione compiuta con “Quintorigo Play Mingus”, tributo al jazzista americano. Per l’occasione, figurerà come vocalist uno tra i più apprezzati interpreti dei brani hendrixiani, Moris Pradella.

Un evento, quindi, che darà modo di celebrare in maniera assolutamente originale il genio di Hendrix, a 70 anni dalla sua nascita, ma anche di vedere all’opera alcuni tra gli esponenti più talentuosi e innovativi del panorama musicale italiano.

Il concerto sarà preceduto, alle 18.30, da “Il suono elementare”, un incontro con i Quintorigo organizzato dell’associazione Re Duncan. Dopo la fine dell’esibizione è invece previsto un dj set a cura di Calafuria.

I biglietti (10 euro più prevendita) sono acquistabili in anticipo nel circuito Box Office e online su www.boxol.it, o in alternativa ad Officina Giovani la sera stessa del concerto.

Mattia Cavicchi