Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Elezioni regionali: vincono Maroni, Zingaretti e Frattura

CONDIVIDI

Gli ultimi dati di questa tormentatissima tornata elettorale sono arrivati dalla Lombardia, dal Lazio e dal Molise, che hanno scelto ieri i loro nuovi presidenti. “Missione compiuta”: è stato il primo commento di Roberto Maroni, che siederà sulla poltrona occupata a lungo da Roberto Formigoni. Di segno (politico) opposto i risultati registrati nel Lazio e nel Molise, che hanno “incoronato” i candidati di centrosinistra: Nicola Zingaretti e Paolo Di Laura Frattura.

A spuntarla è stato alla fine Roberto Maroni. Il segretario federale della Lega, fotografato da tutti i sondaggi in un testa a testa serrato con lo sfidante Umberto Ambrosoli, ha alla fine portato a casa l’agognato risultato. Con il 42,8% delle preferenze, Maroni è il nuovo presidente della Regione Lombardia, preferito al candidato di centrosinistra (Ambrosoli appunto), che ha convinto “solo” il 38,2% dei lombardi. A Silvana Carcano del Movimento 5 Stelle sono andati il 13,6% dei voti, mentre Gabriele Albertini (sponsorizzato da Mario Monti) ha incassato un modesto 4,1%. “Missione compiuta – ha commentato ieri a caldo Roberto Maroni – Questo era ciò che la Lega voleva, il nostro obiettivo strategico, in coerenza con la linea uscita dal congresso riassunta nello slogan ‘Prima il nord'”. “Abbiamo salvato la Lega – ha aggiunto il neo presidente della Lombardia – Dopo quanto accaduto nei mesi scorsi, ora per la Lega si apre una nuova fase, una nuova pagina”.

A succedere a Renata Polverini alla Pisana sarà, invece, Nicola Zingaretti, votato dal 40,6% dei cittadini. Dietro di lui Francesco Storace (29,3%),  il candidato 5 Stelle, Davide Barillari (20,2%), Giulia Bongiorno (4,7%) e Alessandro Ruotolo di Rivoluzione civile, che si è fermato al 2,2% delle preferenze. C’è tanta rabbia – ha riconosciuto ieri il neo governatore del Lazio – ma noi non vogliamo cavalcarla, vogliamo estirparla con il buon governo. Si può cambiare dopo aver ascoltato i bisogni delle persone”.

Va al centrosinistra anche la presidenza della Regione Molise dove Paolo Di Laura Frattura si è imposto in maniera più che netta. Incassando il 44,7% delle preferenze, Frattura ha lasciato allo sfidante di centrodestra, il governatore uscente Michele Iorio, il 25,8% dei voti. A seguire il candidato del Movimento 5 Stelle, Antonio Federico (con il 16,76% dei consensi) e Massimo Romano di Fare per fermare il declino, che ha convinto l’11,01% dei molisani.