Napoli: incendio distrugge Citta’ della Scienza

Questa notte Napoli, una delle città più romantiche e meravigliose del nostro Belpaese, ha perso uno dei suoi gioielli. Stiamo parlando della Città della Scienza, una delle più attive istituzioni culturali della città partenopea, distrutta la notte scorsa da un vasto incendio.

Incendio a Napoli, brucia la Città della Scienza – La Città della scienza, il museo interattivo considerato tra i gioielli culturali di Napoli, oltre che uno dei suoi più validi attrattori turistici, con una media di 350mila visitatori l’anno, è stato quasi completamente distrutto la notte scorsa da un impetuoso incendio che è divampato e si propagato all’interno della struttura, in quattro dei capannoni principali, che danno al mare. Per fortuna all’interno della struttura della Città della Scienza non vi erano persone, grazie alla chiusura settimanale, prevista proprio nella giornata di lunedì.

Le cause dell’incendio – Le cause dell’impetuoso incendio divampato la notte scorsa nella struttura napoletana sono ancora ignote. Si indaga su quale possa essere stato l’origine delle fiamme, se di natura colposa o dolosa. Nessuna delle ipotesi è stata esclusa. La Procura della Repubblica di Napoli ha posto sotto sequestro l’area. La Polizia ha avviato indagini per accertare le cause del rogo. Per domare l’incendio ci sono volute 13 ore.

La rabbia del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris – Rabbia e delusione nelle parole del sindaco della città partenopea, Luigi De Magistris, che questa mattina ha commentato il doloroso evento che ha colpito la città che amministra. “Napoli è sotto attacco” ha scritto il primo cittadino di Napoli su Twitter, e ai giornalisti ha dichiarato: “Mi sembra che dietro le fiamme ci sia una mano criminale. Ora dobbiamo affidarci completamente alla magistratura per indagini il più approfondite possibili. Oggi migliaia di ragazzi e bambini di Napoli si sono svegliati piangendo per la distruzione di Città della Scienza”.