Ballano Harlem Shake e vengono licenziati, brutta fine per i minatori australiani

Che l’Harlem Shake fosse un tormentone in grado di far ballare persone di tutto il mondo, si sapeva. Ma che fosse ballato addirittura da dei minatori sottoterra, ancora ci mancava.

E’ successo ad  Agnew, est dell’Australia dove quindici operai della squadra notturna stavano lavorando in miniera. L’esibizione, con musica e ballo del gruppo,  è stata ripresa e poi messa su internet. In questo modo tutti hanno potuto vedere la performance, perfino l’azienda titolare che ha deciso di licenziarli. Attraverso una lettera la  Barminco, società australiana controllata dalla sudafricana Gold Fields, ha comunicato il verdetto ai dipendenti.

La canzone Harlem Shake è ormai un successo nel mondo. Prodotta e lanciata dal dj Baauer, da due mesi ha rimpiazzato il vecchio tormentone Ganganm Style. Su Youtube si possono vedere video di gente che balla questa canzone: intere classi scolastiche,  squadre sportive e gruppi di amici. O come in questo caso minatori che faticano di notte che però gli è costato il posto di lavoro.  “La sicurezza sul lavoro in miniera è fondamentale ed è per questa ragione che la Barminco ha preso questa decisione”, ha dichiarato Sven Lunsche, dirigente di Gold Fields. Intanto gli ormai ex dipendenti si difendono, dichiarando che non sono state violate le norme di sicurezza. Uno di loro spiega che la musica è stata aggiunta successivamente. Dalle loro parole si comprende il dispiacere di aver perso il lavoro, solo per un video di trenta secondi.