Vittima della crisi a Firenze: licenziato a 60 anni, si dà fuoco e muore

La crisi economica che oramai da qualche anno sta attraversando il nostro Belpaese in lungo e largo macina ancora molte vittime; ultima, in ordine cronologica, è un uomo di Sesto Fiorentino, località in provincia di Firenze, che questa mattina ha deciso di togliersi la vita.

Uomo morto carbonizzato nel fiorentino – Un uomo di 60 anni si è dato fuoco stamane in una campagna di Monte Morello, nel comune di Sesto Fiorentino, in provincia di Firenze. Il suo cadavere carbonizzato è stato trovato quest’oggi, poco dopo mezzogiorno, da una passante che, vedendo una persona avvolta dalle fiamme, ha immediatamente chiamato i soccorsi. Giunti celeri sul posto, l’intervento dei carabinieri, degli agenti della guardia forestale e dei vigili del fuoco non è servito a nulla, visto che per l’uomo non c’era più niente da fare.

Ennesima vittima della crisi economica – Il sessantenne che quest’oggi ha deciso di togliersi la vita cospargendosi di benzina e dandosi fuoco è l’ennesima vittima della crisi economica che ha investito la nostra Penisola. Secondo le prime ricostruzioni fatte dagli inquirenti, infatti, l’uomo, prima di compiere il folle gesto ha fatto alcune telefonate ed ha inviato alcuni messaggi per spiegare ad amici e parenti il perché del suo gesto. Il sessantenne era stato da poco licenziato dall’impresa per cui lavorava oramai da tempo e versava in una difficile situazione economica, divenuta per lui oramai insostenibile. A questo si aggiunge il dolore che l’uomo covava da qualche tempo, visto la recente scomparsa della sorella, a cui il sessantenne era molto legato.