Home Cultura Arte: Notizie dal mondo dell'Arte

Alla scoperta di Francesco Maria Piave, librettista di Giuseppe Verdi

CONDIVIDI

Il lavoro di Francesco Maria Piave e la sua collaborazione con Giuseppe Verdi è protagonista dell’esposizione Non solo Giuseppe Verdi inediti e non di Francesco Maria Piave, allestita con grande originalità e creatività negli spazi della Casa di Carlo Goldoni a Venezia.
In occasione del bicentario della nascita di Verdi, il lavoro del suo librettista muranese viene mostrato al pubblico grazie al lavoro di Barbara Poli e Chiara Squarcina che hanno curato la mostra visitabile fino al 14 maggio.
I 47 libretti di Piave, di cui 22 manoscritti e autografi, vengono affiancati a 24 splendidi bozzetti scenografici opera di Giuseppe Bertoja, provenienti dal Museo Correr. Per rendere ancora più suggestivo il percorso espositivo negli spazi della Casa Goldoni sono state ricreate delle scene delle opere verdiane e su uno schermo scorrono immagini e le splendide arie de La Traviata.

I reperti, dal grande valore per gli appassionati del mondo della musica, provengono dal Museo Vetrario di Murano che possedeva il materiale grazie a un lascito all’istituzione muranese effettuato dalla consorte di Francesco Maria Piave nel 1876. La donazione era accompagnata da una lista completa, estratta dalla Gazzetta Musicale di Milano del 7 luglio 1861 a cui sono state aggiunte a mano le successive opere, documento esposto in un’interessante bacheca in sui si possono vedere anche gli atti di nascita e morte del librettista, il suo certificato di matrimonio, ritratti e fotografie d’epoca.
Chi volesse scoprire gli appunti e le correzioni di una personalità e decisa come quella di Giuseppe Verdi potrà, inoltre, sfogliare le copie dei libretti, lasciate a disposizione dei visitatori.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram