Conclave 2013: inarrestabile ascesa di Angelo Scola

E’ da poco iniziato il Conclave presso la Santa Sede, atto ad eleggere il successore di Benedetto XVI, colui che sarà il successore del secondo Papa, nella storia della Chiesa cattolica, che ha abbandonato il soglio pontificio per libera scelta personale. Si sono ricorsi più nomi come papabili discendenti di Pietro, il primo Papa, ma stando alle ultime indiscrezioni il vero favorito sarebbe il ciellino Angelo Scola, settantunenne Arcivescovo di Milano. Fra gli italiani lo seguono il grande teologo e intellettuale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e il Cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e Presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Fortemente possibile sarebbe anche la nomina del francocanadese Marc Ouellet, Prefetto della Congregazione per i Vescovi; altri tre nomi continuano a rimbalzare ma perdono forza rispetto al grande favorito, Angelo Scola. In rappresentanza dell’America Latina il candidato più vicino a San Pietro pare essere l’arcivescovo di San Paolo Odilo Pedro Scherer; mentre per gli States perde punti il cappuccino arcivescovo di Boston Sean Patrick O’Malley, meritevole di aver rialzato dal fango l’immagine della Chiesa negli Stati Uniti in seguito ai vari scandali inerenti la pedofilia che hanno, tristemente, funestato sua la storia recente. Pare sfumare anche l’ipotesi Papa nero, rappresentata dal ghanese Peter Appiah Turkson, che, sino a ieri, suonava fortemente plausibile.

Resta un’ultima considerazione espressa da Andrea Tornelli, vaticanista de La Stampa:”I pronostici dei vaticanisti non si avverano mai”.

photo credit: jojoscope via photopin cc