L’altolà dei montiani a Bersani: No a governicchi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:04

In un editoriale pubblicato ieri sul sito di Italia futura (il pensatoio dei “montiani”), Scelta Civica ha inviato un messaggio inequivocabile al segretario del Pd, invitandolo a non rincorrere più i voti di Grillo e della Lega, ma ad aprire a un “governo di scopo”.

I tasselli del puzzle che dovrebbero portare alla costruzione del nuovo governo rischiano di non incastrarsi. A paventare nuove complicazioni è stata ieri Scelta Civica, che ha destinato un avvertimento pesante a Pierluigi Bersani“All’Italia serve un governo che affronti subito le emergenze che stanno strozzando il Paese – si legge nell’articolo comparso ieri sul sito di Italia Futura – non un confuso tentativo di strappare qualche parlamentare qua e là per varare un esecutivo debole”. “Pierluigi Bersani – si precisa – rincorre alchimie potenzialmente esplosive”.

“E’ in atto una indecorosa caccia ai voti leghisti e grillini – ha denunciato la redazione di If – Il risultato è una miscela d’intransigenza e tatticismo, che se riuscisse ad andare in porto, comporrebbe la nascita di una sorta di ‘fronte dell’irresponsabilità'”. Una soluzione inaccettabile, che ha spinto gli estensori dell’articolo a insistere: “Quello che serve all’Italia – hanno rimarcato – è esattamente il contrario di un governicchio costretto a rincorrere i singoli voti accontentando ogni pulsione populista pur di vivacchiare. Quello che serve all’Italia è un ‘governo di scopo’ che abbia un largo consenso parlamentare, sulla base di un trasparente patto politico con il Pdl e con altre forze disponibili, e che metta al centro poche chiare priorità”. 

Un “governo di larghe intese” (marcatamente europeista) su cui potrebbe scendere la “benedizione” del capo dello Stato. “Senza i voti di Scelta Civica – si legge nel passaggio conclusivo dell’editoriale – il ‘piano A’ di Bersani non potrà vedere la luce e la parola ripasserà immediatamente al presidente Napolitano. Anche per questo è necessario dire con maggiore chiarezza che non siamo disposti a sostenere governicchi”.