Napolitano ricorda le larghe intese del 76. Berlusconi: Faccia a faccia con Bersani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:52

berlusconi-bersaniNapolitano e le larghe intese – Il presidente della Repubblica, intervenendo per commemorare Gerardo Chiaromonte, ha nuovamente invitato i partiti ad un forte senso di responsabilità, e lo ha fatto elogiando le larghe intese del 76, ovvero lo storico compromesso tra il Pci e la Dc.
Allora ci volle coraggio in quella scelta inedita di larga intesa, serviva una visione della politica come responsabilità”, ha ricordato il Capo dello Stato.
Il messaggio appare chiaramente rivolto ai due principali protagonisti della scena politica attuale, il segretario del Pd, Bersani, vincitore delle elezioni, e il Pdl di Berlusconi.

Berlusconi: Vedrò Bersani – A tranquillizzare il Capo dello Stato ci pensa Berlusconi, che annuncia di voler incontrare il Pierluigi Bersani, per mettere in campo una serie di riforme per salvare il paese e soprattutto per trovare un’intesa sull’elezione del nuovo Capo dello Stato.
Finalmente l’onorevole Bersani si è aperto e reso disponibile a un incontro, anche se “la data non è stata ancora fissata“, ha annunciato il Cavaliere.
Dal Pd però non arriva nessuna conferma, ma tantomeno una smentita, è infatti, possibile che un incontro tra i due possa esserci nei prossimi giorni.

Bersani: Niente governassimo – Il Pd non ci sta. Il governassimo con il Pdl è un’ipotesi che non va nemmeno considerata, ha ribadito ancora una volta Bersani. L’obiettivo, al momento, è arrivare all’elezione di un Capo dello Stato largamente condivisa, come ha ricordato Letta: “Abbiamo i numeri per eleggere da soli il presidente della Repubblica, ma vogliamo una condivisione più larga, una condivisione di tutte le forze politiche. Vogliamo trovare un Capo dello Stato super partes, come lo è stato Napolitano, o vogliamo andare a colpi di maggioranza?. Pensare che dopo 20 anni di ‘guerra civile’ in Italia nasca un governo Bersani-Berlusconi non ha senso. Il governissimo come è stato fatto in Germania qui non è attuabile. Intanto cerchiamo un’intesa sul Presidente della repubblica”.