Movimento 5 Stelle: Mastrangeli verso l’espulsione?

Mastrangeli D'Urso

 

La propensione per il piccolo schermo potrebbe costare cara al senatore 5 Stelle, Marino Mastrangeli. Il parlamentare è tornato ieri sul “luogo del delitto” (la trasmissione pomeridiana di Barbara D’Urso), acutizzando la tensione con i colleghi che lo avevano già “bacchettato” per la sua precedente “comparsata” in tv. Tanto che il capogruppo del M5S al Senato, Vito Crimi, ha annunciato ieri l’intenzione di espellere Mastrangeli, ottenendo in risposta un fermo: “Non lo può fare, non ho violato alcuna regola comportamentale”. 

Volano gli stracci tra Vito Crimi e Marino Mastrangeli, finito nel “mirino” del gruppo per quella “passionaccia catodica” che lo ha  portato ad accettare ieri, per la seconda volta, l’invito inoltratogli dalla conduttrice di Canale 5, Barbara D’Urso. Una scelta condannata dagli altri parlamentari 5 Stelle e certificata dal capogruppo al Senato sulla sua bacheca facebook“Mentre in questo momento tutti gli altri cittadini portavoce del Movimento 5 Stelle al Senato e alla Camera sono al lavoro su progetti di legge, su nuove interrogazioni e si preparano all’importantissimo appuntamento dell’elezione del presidente della Repubblica – ha scritto ieri Crimi – il senatore Marino Mastrangeli non trova di meglio da fare che andare per l’ennesima volta in televisione da Barbara D’Urso”.

“Per rispetto dei cittadini che ci hanno votato e che ci pagano lo stipendio – ha continuato Crimi – proporrò l’espulsione di Marino Mastrangeli dal gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle al Senato. La proposta d’espulsione seguirà tutto l’iter previsto dal codice di comportamento parlamentare del Movimento 5 Stelle”. Guerra dichiarata, dunque, ma il diretto interessato non sembra preoccuparsene troppo. “Espulso? Ma quando mai, è impossibile ha replicato Mastrangeli – Nel codice di comportamento c’è scritto che si può proporre un’espulsione solo per palesi violazioni del codice stesso. Io non ho violato nulla, come faccio ad essere espulso?”.

Poi la “stoccata” a Crimi: “Sta facendo un’affermazione che non corrisponde al vero – ha contrattaccato il parlamentare 5 Stelle – E allora, se Crimi dice che due più due fa cinque, ci mettiamo pure a discutere? Io non ho partecipato a un talk show, ho rilasciato delle interviste. Fino a quando non sarà scritto che è proibito, lo farò”. E il popolo della Rete? Sembra avere già deciso da che parte stare: “Ho la sensazione – ha annotato un internauta – che Mastrangeli diventerà lo Scilipoti del Movimento 5 Stelle“.