Parola di Tifoso: Napoli-Cagliari 3-2, l’importante sono i tre punti e un salto in avanti verso il secondo posto

CavaniUna traiettoria velenosa, infida, quasi innaturale, per un tiro che va ad infilarsi all’incrocio al minuto novantaquattro. Può essere raccontata con questa singola immagine Napoli – Cagliari 3-2, sotto un caldo cielo di Aprile e davanti a 40000 cuori innamorati. Un Napoli estremamente combattivo e tenace, ma che soffre ancora troppo spesso di amnesie difensive riesce ad avere la meglio solo in extremis di un Cagliari già in vacanza ma desideroso di mostrare i suoi pezzi forti ( alcuni in odore di azzurro, come Nainngolan ed Astori ) e il bel gioco marchiato Pulga – Lopez.
La partita è stata a lungo corretta, salvo trasformarsi in una Corrida nella parte finale con l’espulsione di Pulga e le proteste dei Cagliaritani sulla prima rete del Napoli.
Per quanto riguarda i singoli, Cavani è apparso non al top, pur avendo avuto diverse occasioni è riuscito a sbloccarsi solo su respinta corta di Agazzi su una bomba di sinistro di Paolo Cannavaro. Pandev sugli scudi, ha dimostrato ancora una volta di poter essere preziosissimo nel finale di stagione. Valon Behrami è stato il solito gladiatore in mezzo al campo, rimediando però – come Cavani – un’ammonizione pesante che gli farà saltare la partita di Pescara,
In attesa del Milan dunque, un Napoli sempre più lanciato per il secondo posto che significherebbe profumo di Champions diretta, e nuove notti magiche il mercoledi sera al San Paolo.

Giuseppe Bertucci, redazione Napolicalcio1926
www.napolicalcio1926.it