Il Bayern umilia il Barcellona e vince 4-0 la semifinale di andata di Champions League

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:10

Bayern Monaco-Barcellona 4-0Bayern Monaco-Barcellona finisce 4-0: tutto vero! Ieri, 23 aprile 2013, è stato El Sant Jordi màs triste per un Barcellona irriconoscibile, almeno secondo “Sport.es”. Persino noi avevamo pronosticato la sconfitta del Barcellona, ma la parola “remuntada” non appare in quasi nessuna delle testate spagnole, come invece avevamo ipotizzato nella vigilia. “Sport” si lamenta per un arbitraje desastroso e “As” gli fa il coro (tres goles ilegales), ma nella prima pagina della testata vicina alle squadre della capitale appare un solo titolo a caratteri cubitali: Barcelona, fin de ciclo! Persino “Mundo Deportivo”, giornale sportivo catalano, apre addirittura in tedesco (“4-0: Katastrophe del Barça en Munich“) per poi proseguire in una vera e propria autocritica.

Blaugrana desconocido, que defendiò fatal y atacò peor: non serve neanche la traduzione, tanto è chiaro il significato! Per concludere la rassegna stampa spagnola, tuttavia, è obbligatorio passare al quotidiano sportivo più letto dalla nazione Campione del Mondo: “Marca”. La testata madrilena sottolinea come erano casi 20 anos sin recibir en Europa una goleada asì. Era il 18 maggio del 1994, infatti, quando lo storico Dream Team blaugrana si arrese al Milan di Capello, perdendo la finale di Atene con un altrettanto umiliante 4-0.

Passando sull’altra sponda, ovviamente, scorrono fiumi di birra per quella che è stata da tutti definita come la partita migliore di questo Bayern Monaco. La “Build” è infatti in attesa del sogno più selvaggio: il Mostro-Bayern elimina il Barcellona. La Germania, inoltre, ci tiene a sottolineare la rivincita di Muller, autore di una doppietta (di Gomez e Robben le altre reti) ma assente nella semifinale dei Mondiali sudafricani contro la Spagna.

In Italia si va invece dallo choc del “Corriere dello Sport”, al Bayern Fest del (sempre imparziale) “TuttoSport”, fino al poco originale Uber Alles della rosea “Gazzetta dello Sport”. Guardiola, in tutto ciò, era incredulo nel suo loft americano: se Heinkes gli lascerà in eredità un triplete…l’Allianz Arena potrebbe addirittura averne nostalgia!