Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Verso il governo, Letta: Siamo in terra incognita, ma sono fiducioso

CONDIVIDI

Enrico Letta

 

Il compito che Giorgio Napolitano gli ha affidato è quanto mai gravoso ed Enrico Letta non perde occasione per rimarcarlo. Lo ha fatto già ieri, quando appena uscito dallo studio del presidente della Repubblica, ha esplicitamente detto: “E’ una responsabilità che sento forte sulle mie spalle, più forte della mia stessa capacità di reggerla”. Una precisazione che ha tradito un fondo di acuta preoccupazione, per quanto nel pomeriggio il premier incaricato abbia tentato di mostrarsi più ottimista.

“Siamo in terra incognita, passo passo si capiscono modalità e obiettivi, ma sono fiducioso“. E’ quanto ha detto il probabile futuro presidente del Consiglio, Enrico Letta, ai cronisti che lo hanno incrociato ieri alla Camera. “Il primo pomeriggio di lavoro – ha spiegato l’ex vice di Pierluigi Bersani – mi conferma tutta la grande difficoltà, ma sono talmente tanti i messaggi e le spinte di incoraggiamento ricevute che ne traggo uno spirito molto rinfrancato”.

“Devo unire due cose – ha fatto notare Letta – da una parte la rapidità che è un’esigenza oggettiva, dall’altra il fatto che ho iniziato a lavorarci stamani. Ho iniziato a lavorare sia al tema dei punti di programma, di cui domani parlerò con le forze politiche – ha precisato – sia per capire l’equilibrio con cui costruire la squadra di governo”. E non è difficile immaginare che proprio quest’ultimo punto risulterà il più nodoso. Con fare da equilibrista, infatti, il premier incaricato dovrà tentare di non scontentare nessuno, coinvolgendo nella sua futuribile squadra di governo esponenti di partiti che fino a qualche settimane fa se le “suonavano” di santa ragione. A meno che non opti – come favoleggiato da qualcuno nella serata di ieri – per ministri completamente nuovi, che non hanno ancora avuto occasione di incrociare le armi l’uno contro l’altro.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram