Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Berlusconi e automobili. Lo spot all’italiana è servito, la polemica anche

CONDIVIDI

FordSilvio Berlusconi Re della pubblicità. Con questa frase non si vuole certo far riferimento ai conclamati ‘possedimenti’ aziendali che il nostro ex premier annovera nel settore del mercato pubblicitario (Publitalia uber alles), ma al suo involontario protagonismo come “eroe da spot” in campagne estere. Involontario, perché non sono certo lusinghieri i ruoli che i creativi del marketing oltreconfine hanno pensato per lui.

Circa un mese fa, era stata la Ford India a scegliere il Cav. come personaggio centrale dell’immagine di lancio della Ford Figo (sarà un caso l’accostamento a una vettura con cotale nome?). Nei cartelloni che hanno tappezzato Bombay e periferia, infatti, lo si vede alla guida della suddetta macchina, con tre apparentemente “olgettine” (tra cui si riconoscono chiaramente Nicole Minetti e Rbuy Rubacuori, due protagoniste dell’affaire bunga bunga) legate e imbavagliate nel portabagagli. Apriti cielo: prontissime sono arrivate le scuse del gruppo pubblicitario, che si è dissociato dalle “immagini di pessimo gusto” ideate dagli esperti.

keine_italienischen

Adesso è la volta del Tirolo, Austria, che tira in ballo il nostro B. per uno spottone elettorale. Domani infatti, nel Land si svolgeranno le elezioni per eleggere la nuova Giunta. E l’Opv, partito popolare austriaco, ha pensato bene di scongiurare l’ingovernabilità all’Italiana ritraendo un Berlusconi che alla guida di una Cinquecento rossa (ancora automobili, che il Cav. non sia semiologicamente legato al prodotto?) schiantarsi contro un muro. “Nessuna situazione all’italiana”, è la scritta che campeggia a caratteri cubitali, con riferimento all’alto numero di liste che si stanno presentando a queste elezioni e che rischiano di creare per l’appunto una situazione di impasse tutta italica.
Anche questo spot non ha certo scatenato l’entusiasmo delle masse: il nostro ambasciatore a Vienna, Eugenio d’Auria, ha protestato ufficialmente esprimendo tutto il suo disappunto; e si inizia anche a paventare un boicottaggio dei visitatori italiani della città di Innsbruck, capitale del Tirolo.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram