Home Notizie di Calcio e Calciatori Serie A

Serie A, trentaquattresima giornata, il pagellone dell’ignoranza – il top e flop più amarcord del web

CONDIVIDI

Balbo e Fonseca come Osvaldo e LamelaMentre la Juve è sempre più ad un passo dalla vittoria del suo secondo scudetto consecutivo (insomma, è tornato tutto come ai tempi di Moggi, forse con qualche aiuto arbitrale in meno) grazie alla vittoria nel derby contro il Torino, dietro continua una interessantissima lotta per i piazzamenti in europa: Fiorentina e Milan sgomitano per il terzo posto, mentre per l’Europa League la bagarre è anche più ampia con Udinese, Roma, Lazio e Inter (con il Catania leggermente più distanziato) in lizza sostanzialmente per un posto. Nella zona calda, Siena sempre più inguaiato – travolto dalla Roma di Osvaldo e Lamela (pare essere tornati ai tempi di Balbo e Fonseca, per quanto sudamerica si respira) – mentre Palermo e Genoa continuano a credere che l’anno prossimo non si sia costretti a giocare di sabato. Ma adesso lasciamo la parola al nostro amato Pagellone dell’ignoranza, a cura della fanpage dedicata al calcio più sardonica e anni ’90 che ci sia.

TOP THREE
BRONZE – PAZZINI

Non è la prima volta quest’anno che il Pazzo entra a far parte della Top Three del Nicolone e in questa domenica calcistica si guadagna la terza piazza giocando solo metà secondo tempo del posticipo tra Milan e Catania. Gianpaolo Basetta entra e la partita cambia improvvisamente, in pochi minuti piazza due tap-in alla Pasquale Luiso e regala ai rossoneri tre punti decisivi per la corsa alla Champions. Esempio di professionalità, con quella barba incolta e il capello sempre più rado, Pazzini sta vivendo una delle sue annate migliori, forse grazie anche alla cura dell’amico Balo che ogni martedì lo porta a ballare il raggaetton alla balera di Busto Arsizio insieme a Kallon, Paolino Poggi e un corposo gruppo di milf brianzole. Goleador. Voto 7,5.

SILVER – LAMELA
Con quella basetta a punta e quella faccia da topo, l’esile Erik non abborderebbe neanche se uscisse in gruppo con Rocco Siffredi e Galante, ma dopo un annata come la sua pare che tutti i padri romani e romanisti non vedano l’ora di dare in dote la propria primogenita al forte trequartista argentino. Sarà questo il motirvo per cui Lamelaè sempre così sorridente e così prolifico? Nella partita con il Siena offre una prestazione di qualità, sfornando assist e segnando un gol molto bello. Con Totti si intende a meraviglia e da lui partirà il progetto Roma del prossimo anno. Nerd mancato. Voto 8.

GOLD – ZANETTI

Dagli amici del Nicolone, gli stessi che ti trovano nelle figurine da quando andavano alle elementari e ti ammirano e rispettano a prescindere dalla fede calcistica, un grosso in bocca al lupo e un arrivederci a presto Javier. Che tu possa prendere esempio dal tuo ciuffo che nonostante la pioggia e i colpi di testa si rialza sempre e torna sempre al suo posto…Un abbraccione!! Voto 10.

FLOP – LAZIO
La Lazio nelle ultime partite ha segnato meno gol di Phil Masinga all’Inter nel 1998/99. Che sia colpa del fisioterapista che da mesi cura Klose a bastonate sulle ginocchia? Che sia colpa di Mauri che continua a scommettere sugli Under? O che sia colpa di Capello Unto Floccari che invece di allenarsi passa i pomeriggi a giocare nelle sale Bingo di mezza Roma? Io non lo so, quel che è certo è che la coppia Boksic – Signori era ben altra cosa, tra una bestemmia in serbo e un rigore calciato senza rincorsa, lo spettacolo era assicurato!! Sterilità. Voto 2.