Il CSKA Mosca vince il suo 4° campionato russo: Zenit ai preliminari

cska moscaRisultati del campionato russo – La Premier League russa si è appena conclusa ed il CSKA Mosca ha conquistato il suo 4° scudetto, ai danni dello Zenit San Pietroburgo. La squadra di Spalletti, reduce da due titoli consecutivi, ha quindi lasciato il passo alla capitale, che si conferma dunque la città più titolata dell’intera, gelida nazione. Lo Spartak Mosca ha infatti monopolizzato le prime 10 edizioni della neonata Premier League (vincendone ben 9), mentre solo altre 4 squadre hanno vinto il campionato russo nel corso della sue breve storia (è infatti nato nel 1992): lo Zenit (3 volte), Rubin Kazan e Lokomotiv Mosca (entrambe ferme a 2 titoli) e persino l’Alania Vladikarkaz, appena retrocesso in seconda categoria, assieme al Saransk.

Completamente fallimentare, quindi, la stagione dello Zenit, che, dopo aver speso 55 milioni per Hulk e 40 per Witsel, si ritrova a fare i conti con un passivo di oltre 100 milioni di euro in cassa…e con zeru tituli! La finale di Coppa russa (la c.d. Kubok Rossii) sarà infatti Anzhi-CSKA Mosca (il 1° giugno), mentre la squadra di San Pietroburgo si dovrà accontentare dei preliminari di Champions League, dove potrebbe incrociare i tedeschi dello Schalke04, gli inglesi dell’Arsenal, gli olandesi del PSV Enidhoven e persino il Milan, che solo qualche mese ha eliminato lo stesso Zenit dai gironi.

In Europa League andranno invece l’Anzhi di Eto’o (autore di 10 reti), oltre al solito Spartak Mosca, alla sorpresa Kuban ed al Rubin Kazan, che soltanto nell’ultima giornata di campionato supera la Dinamo Mosca e conquista quindi i preliminari della vecchia Coppa Uefa, la cui finale si disputerà a Torino. I due capocannonieri del campionato russo arrivano dalla stessa squadra, l’ignoto Krasnodar (soltanto 10°, in un campionato composto di sole 16 squadre): se il 27enne brasiliano Wanderson è tuttavia rimasto a giocare per il suo club, il 26enne armeno Yura Morsisyan si è trasferito al più prestigioso Spartak Mosca (realizzando comunque 13 reti, come il suo collega).

Chi sale e chi scende – Mentre Ural e Tomsk guadagnano la promozione diretta in Premier League ed il Khimki retrocede addirittura in “Serie C” (Division 2), Rostov e Samara saranno impegnate nei play-out per non retrocedere, rispettivamente contro lo SKA Energiya ed il Nalchik. Tutto finito quindi, ora si Russa!