‘Directioners’ in delirio, Niall e soci infiammano l’Arena di Verona. E il grande sogno diventa realtà.

 Sono passati esattamente un mese e dieci giorni, da quel grande sogno. Il giorno in cui più di diecimila Directioners si sono riunite a Verona.
Il concerto della band più famosa del momento ha fatto sì che più di cinquemila ragazze e ragazzi coronassero il proprio sogno.
Nove ore di fila per entrare nell’arena, dove i cinque ragazzi, Niall, Louis, Liam, Zayn e Harry si sono esibiti cantando tutte le canzoni del CD ‘Take Me Home’ e altre del primo album ‘Up All Night’.

E’ stato uno dei concerti che le Directioners definiscono INDIMENTICABILE, infatti alcune di loro, anche se appena sedicenni, hanno tatuato il simbolo dell’infinito con la rispettiva data del concerto.
Sono anche stati svolte delle ‘Fan Action’: ad esempio sono stati lanciati dei palloncini bianchi e rossi durante ‘Live While We’re Young’, ed alcune giovani fan sono state anche baciate da Niall; sempre Niall ha anche preso un foglio con scritto ‘A Massive Thank You’ che tutte le Directioner avevano stampato o disegnato, con un cuore rosso e relativa scritta nera.
Mentre durante le ‘Twitter Questions’, ovvero le domande fatte dalle fan per essere sorteggiate e lette nel lo svolgimento del concerto, è stata richiesta a gran voce  una canzone in italiano; i ragazzi, con tutta la loro buona volontà, ci hanno provato: ma in italiano hanno pronunciato solo pizza ed amore. E’ pur sempre qualcosa, il pubblico ha apprezzato.
Harry, il più piccolo della band, si è cimentato anche in nozioni di storia,facendo notare agli astanti che l’arena, splendido scenario in cui si stavano esibendo, ‘Is two thousand years old’.
Tutte pensano di aver fatto un buon lavoro dato che tutti i componenti hanno scritto moltissimi tweet per l’Italia, soprattutto Niall e Harry.
Un successone, per la teen band più in voga del momento, per la quale si prospetta un radioso futuro.

A cura di Italian Directioners.