Caso kazako, Financial Times: Alfano dovrebbe dimettersi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:28

Financial Times

 

In un editoriale pubblicato oggi dal quotidiano britannico Financial Times, lo “scivolone” del governo italiano, rimasto impantanato nel “pasticcio kazako”, ha guadagnato la prima pagina. L’estensore dell’articolo – dal significativo titolo “Rome’s imbroglio” – ha messo a nudo gli errori del nostro Paese e suggerito al ministro Angelino Alfano (che oggi è stato “graziato” dal Senato) di rassegnare le proprie dimissioni.

L’infelice vicenda che ha causato il rimpatrio forzato in Kazakistan della moglie e della figlia del dissidente Ablyazov ha da qualche tempo vinto i confini nazionali. Dopo l’Ue anche l’Alto commissariato dei diritti umani dell‘Onu è intervenuto ieri sul caso, sollevando forti dubbi sulla legittimità dell’operazione condotta dalle forze dell’ordine italiane. Una “cattiva pubblicità” riverberata dall’editoriale pubblicato oggi dal quotidiano Financial Times, che ha usato parole severe nei confronti del Bel Paese.

“A cinque mesi da un voto politico disastroso, e nel pieno di una profonda recessione – si legge nell’articolo – l’Italia non si può permettere una crisi politica. Però la credibilità del governo sarebbe severamente messa in crisi se nessuno si prenderà la responsabilità della vicenda. Da parte di Alfano – si precisa nell’editoriale – sarebbe saggio farsi da parte e lasciare il suo incarico di governo a un compagno di partito”.

“Il caso è un imbarazzo per Roma che è stata condannata dall’Onu – ha rilevato il quotidiano della City – L’Italia, Paese fondatore dell’Ue, dovrebbe difendere i diritti umani, non consegnare innocenti nelle mani di un regime”. “Sorprendentemente nessuno si è assunto la responsabilità politica del pasticcio – ha rincarato il giornale britannico – Giuseppe Procaccini, capo dello staff del ministro degli Interni Angelino Alfano, si è dimesso e lo stesso Alfano nega di aver saputo alcunché della deportazione, ma le sue dichiarazioni sono contraddette da quelle di Procaccini”. “Anche se Alfano non avesse saputo – ha tagliato corto il FT – questo vorrebbe dire che non ha un adeguato controllo del suo ministero”. 

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!