L’appello di Monti ai moderati Pdl: Scegliete la responsabilità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:22

Italy - Politics - Mario Monti introduces austerity measures

 

Anche l’ex presidente del Consiglio, Mario Monti, nelle tesissime ore che potrebbero precedere la fine delle larghe intese, ha scelto di dire la sua.

Intervistato ieri da Oscar Giannino a Radio 24, il Professore “folgorato” dalla politica ha invitato i moderati del Pdl (in palese sofferenza con la linea tracciata dal “capo”) a seguire la via della “responsabilità” politica. “Spero che domani (oggi per chi legge, ndr) – ha dichiarato il leader di Scelta Civica – ciascuno ragioni con la propria testa e con la propria coscienza, che il governo di Enrico Letta vada avanti, non con una prospettiva raffazzonata e giusto per andare avanti, ma recuperando maggiore slancio, verso il semestre europeo, almeno fino al 2015″.

“La caduta del governo avverrà se questi moderati non avranno un soprassalto di responsabilità rispetto all’indirizzo preso dal presidente Berlusconi – ha rimarcato il Professore – In quel caso, coloro che tanto spesso si sono richiamati all’interesse nazionale contro gli interessi dei grandi Paesi consegneranno di fatto l’Italia nelle mani delle grandi potenze”. “Se non verrà votata la legge di Stabilità ha vaticinato ancora Monti – in palio c’è la sovranità economica, e il rischio che arrivi la troika è un rischio molto concreto”.

Un quadro tutt’altro che confortante, che il predecessore di Enrico Letta a Palazzo Chigi ha voluto tracciare per rinnovare l’appello alla fronda meno “oltranzista” del partito del Cavaliere. “Io mi rivolgo ai moderati italiani che fanno parte del Pdl per invitarli veramente alla riflessione – ha ribadito sul finale Monti – Qui non si tratta di Scelta Civica, Udc, Pdl, ma per favore, cerchiamo di staccarci tutti un attimo verso l’alto: abbiamo delle grandi responsabilità verso i nostri figli e i nostri nipoti”.

 

Articolo precedenteGiuliano Gemma, morte improvvisa per Ringo
Articolo successivoQuelli che diranno no a Letta
Siciliana di origine, romana d'azione, scrivo da anni occupandomi principalmente di politica e cronaca. Ho svolto attività di ufficio stampa per alcune compagnie teatrali e mi muovo con curiosità nel mondo della comunicazione. Insegnante precaria, sto frequentando un corso per insegnare italiano agli stranieri.