Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Santanchè a Napolitano: Ha tradito, non lo voterei più

CONDIVIDI

 

Nelle ultime settimane se n’era stata un po’ in disparte, forse su indicazione di Silvio Berlusconi, ma ieri è tornata a irrompere nella scena politica con la consueta veemenza. Ospite della trasmissione televisiva L’Arena (su Rai1), la deputata del Pdl, Daniela Santanchè, ha destinato parole pesanti alla massima carica dello Stato.

Pungolata dal conduttore sul presunto tradimento consumato da Angelino Alfano ai danni del Cavaliere, la “pitonessa” ha infatti risposto così: “In Italia ci sono dei traditori, il primo è il Pd perché è venuto meno ai patti. Poi c’è il presidente della Repubblica, che sta facendo il suo secondo mandato perché lo ha proposto Silvio Berlusconi, ma la pacificazione di cui aveva parlato non c’è”.

Non basta: Napolitano ha tradito e non ritengo che fare il secondo mandato sia un sacrificio – ha rincarato la pasionaria del Pdl – L’ho votato, ma oggi non lo voterei più perché la pacificazione promessa non c’è e ricordo che invece, quando vuole, il presidente della Repubblica le strade le sa trovare. Ora deve mantenere la parola data: essere arbitro della Costituzione e non un giocatore”.

Le dichiarazioni dalla “sanguigna” deputata non sono rimaste inascoltate. E anche all’interno del suo partito, in molti hanno avvertito l’esigenza di prenderne le distanze. “Siamo certi che i parlamentari del Pdl non condividono le gravi affermazioni dell’onorevole Santanchè nei confronti del presidente Napolitano – hanno subito messo in chiaro i capigruppo Renato Brunetta e Renato Schifani – Le sue rimangono valutazioni personali e come tali vanno giudicate”.

A “sconfessare” le parole della Santanchè anche Fabrizio Cicchitto e Maurizio Lupi, mentre nel Pd si fa strada l’idea (ventilata da alcuni deputati) che le dichiarazioni rilasciate dalla “pitonessa”  possano configurare il reato di vilipendio alle istituzioni.