Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Letta: Non pagheremo seconda rata dell’Imu

Letta: Non pagheremo seconda rata dell’Imu

Quirinale -  consultazioni incarico Bersani

 

Di ritorno dalla trasferta irlandese, Enrico Letta ha oggi incontrato i giornalisti durante la conferenza stampa convocata a conclusione del Cdm. Su due punti, il presidente del Consiglio, ha voluto porre l’accento: il pagamento della seconda rata dell’Imu (paventato da più parti) e la colorita espressione che avrebbe consegnato a un giornalista dell’Irish Times auto-definendosi uomo dalle “palle d’acciaio”. Due “cortocircuiti” comunicativi su cui il sobrio Enrico Letta è voluto tornare per fugare ogni possibile fraintendimento.

Sulle voci relative alla possibilità che il governo non tenga fede a quanto promesso e rilanci il pagamento della seconda rata dell’Imu: “Il ministro Saccomanni ha detto quello che tutti noi abbiamo detto e che anche io ripeto adesso – ha spiegato il premier – la decisione di non far pagare alle famiglie italiane la prima e la seconda rata dell’Imu è una decisione già assunta e sulla quale non si torna indietro. Il ministro ha detto quello che tutti noi diciamo e cioè – ha precisato ancora Letta – che la copertura per la seconda rata, sulla quale stiamo arrivando a conclusione, non è semplice”. “Voglio essere su questo punto secco e ultimativo – ha insistito il presidente del Consiglio – per evitare che ci si porti dietro incomprensioni inutili. La decisione è stata già assunta politicamente e la applicheremo tecnicamente nei prossimi giorni”.  

E il suo recente exploit in terra irlandese dove, in un’intervista concessa a un popolare quotidiano, si sarebbe gloriato delle sue “balls of steel” (palle d’acciaio)? “Riguardo alle note vicende dell’acciaio – ha ironizzato Letta – è una frase che non ho mai detto. Trattasi di un cortocircuito legato a una traduzione in inglese di una frase idiomatica. Non c’è da parte mia nessun cambio di linguaggio, nessun cambio di passo o volontà strategica nuova, quindi rassicuro tutti coloro che in queste ore – ha concluso il premier – hanno deciso di occuparsi di questo tema”.