Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Caso Cancellieri senza fine: Salvatore Ligresti “inguaia” il ministro

Caso Cancellieri senza fine: Salvatore Ligresti “inguaia” il ministro

FONSAI: LIGRESTI, INCONTRO DE CASTRIES? VEDREMO

 

Proprio mentre incassava la fiducia della Camera dei deputati (che con 405 no bocciava la mozione di sfiducia presentata dal M5S), una nuova “tegola” stava per abbattersi sulla testa di Annamaria Cancellieri.

A “inguaiare” il ministro della Giustizia è stato ieri Salvatore Ligresti, l’ex patron della Fonsai indagato a Milano per aggiotaggio. L’imprenditore siciliano ha consegnato ai pm una dichiarazione che rischia di creare nuovo imbarazzo alla Guardasigilli che – stando a quanto detto lo scorso 15 dicembre dall’ingegnere di Paternò – avrebbe beneficiato di una sua raccomandazione.

“Mi feci latore, presso Silvio Berlusconi – ha raccontato Ligresti al pm Luigi Orsi – del desiderio dell’allora prefetto, che era in scadenza a Parma e preferiva rimanere in quella sede anziché cambiare destinazione”. I fatti riportati dall’imprenditore si riferiscono al 2011, anno in cui la Cancellieri verrà poi nominata ministro dell’Interno, su indicazione di Mario Monti.

“L’attuale ministro Cancellieri – si legge ancora nei verbali dell’interrogatorio di Salvatore Ligresti – è persona che conosco da moltissimi anni e ciò spiega che mi si sia rivolta e io abbia trasmesso la sua esigenza al presidente Berlusconi. In quel caso la segnalazione ebbe successo perché la Cancellieri rimase a Parma”.  

“Qui c’è un accanimento che non ha limite, c’è un disegno che non comprendo – è stata la reazione a caldo del ministro della Giustizia – La ricostruzione che emerge dai verbali di Salvatore Ligresti è falsa e destituita da ogni fondamento”. A fornire qualche dettaglio in più è stato il suo portavoce, che in una nota ha precisato: “Annamaria Cancellieri non ha mai fatto il prefetto a Parma. Si è recata in quella città, per lavoro, solo in due occasioni”. “È surreale pensare che, in entrambi i casi, Annamaria Cancellieri abbia potuto chiedere un interessamento per rimanere a Parma – si legge nel comunicato – potendo ricoprire incarichi più impegnativi e qualificanti”.