Calciomercato Milan, Galliani annuncia: “Mi dimetto dopo l’Ajax”

galliani-milanCalciomercato Milan – Alla fine la bomba è esplosa, come ormai ci si aspettava da tempo. Con un breve comunicato riportato dall’ANSA e citato da Sky Sport, Adriano Galliani ha dichiarato: “Mi dimetterò per giusta causa fra pochi giorni, forse aspetto la partita di Champions contro l’Ajax“. Subito dopo, l’amministratore delegato fa chiarezza su quale sia la causa, definita giusta, di questa decisione: “Lascio per giusta causa, c’è stato un grave danno alla mia immagine e mi dimetterò con o senza l’accordo sulla buonauscita. Ok al cambio generazionale, lo capisco, ma non così, ci voleva un po’ più di eleganza“. Parole velenose, chiaramente indirizzate a chi sta portando avanti l’opera di restauro della società rossonera: Barbara Berlusconi.

Futuro – La figlia del presidente onorario, sin dal suo arrivo, non ha mai nascosto di mal digerire alcune pratiche diventate consuete in casa Milan, come gli scambi di rito con il Genoa di Preziosi e i rapporti, considerati troppo stretti, con alcuni procuratori, Raiola in testa. In un momento di crisi, anche e soprattutto tecnica, sarebbe forse stato meglio gestire le cose in modo diverso, cercando di arrivare a fine stagione senza destabilizzare ulteriormente un ambiente già scosso. Ma tant’è e Galliani chiude parlando di ciò che lo aspetta: “Futuro? Prima devo sbollire poi valuterò. Farò trascorrere un po’ di tempo prima di decidere, ma il mio affetto per il presidente rimane immutato”.

Successore – Negli ultimi giorni si sono accavallati uno sull’altro: nomi di possibili successori di Galliani, nomi di nuovi direttori tecnici, direttori sportivi, direttori del settore giovanile, allenatori. All’appello mancano solo i candidati per i posti, che potrebbero rimanere vacanti, di magazziniere, custode e giardiniere di Milanello. Lasciando da parte il faceto, focalizziamoci sul serio. Per la parte amministrativa, Fenucci appare in vantaggio per succedere a Galliani, con Albertini direttore generale. Per ciò che concerne la parte tecnica, una riflessione è d’obbligo: perchè non sfruttare il patrimonio umano che il Milan ha offerto, prima in campo e poi fuori?Perchè non coinvolgere, ad esempio, Paolo Maldini? O Franco Baresi? Se si vogliono tagliare i ponti con i vari lacchè e raccomandati, perchè non portare in società gente di carattere e carisma, che dice ciò che pensa? Barbara ha, almeno in apparenza, il potere di plasmare una creatura che domani può essere più forte di oggi e di ieri. Vedremo se al centro ci sarà, davvero, il bene del Milan.

photo credit: calciocatania via photopin cc