Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Letta: Spinte estremiste in crescita, ma resisteremo

Letta: Spinte estremiste in crescita, ma resisteremo

Enrico Letta

 

Mentre Beppe Grillo arringava ieri la piazza di Genova, il premier Enrico Letta partecipava a una cerimonia nella sinagoga di Roma, insieme al primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu.

“Sono sicuro che la pace in Medio Oriente arriverà perché l’impegno che ci stanno mettendo Israele e il popolo palestinese ci fa ben sperare”, ha dichiarato il presidente del Consiglio. Che ha poi focalizzato l’attenzione sulla situazione nazionale: “Viviamo un tempo di crisi economica e sociale che alimenta la paura – ha spiegato Letta – la quale a sua volta fa crescere le spinte all’estremismo, all’odio, all’intolleranza”.

Parole che hanno fatto pensare a un’obliqua “scomunica” della manifestazione organizzata a Genova dal Movimento 5 Stelle“Queste spinte stanno crescendo in modo preoccupante – ha aggiunto il presidente del Consiglio – Resisteremo sempre alle spinte della violenza, prima verbale e poi fisica, dell’intolleranza, della xenofobia e del razzismo”.

Oggi pomeriggio Enrico Letta salirà al Quirinale per definire, insieme a Giorgio Napolitano, le prossime mosse da compiere. Dopo il passaggio di Forza Italia all’opposizione e il pressing montante sulla squadra di governo da parte di detrattori e (sedicenti) sostenitori, il premier dovrà rivolgersi al Parlamento per una nuova “verifica”. Che potrebbe snudare equilibri troppo precari e aprire alla possibilità concreta di tornare anticipatamente alle urne.