Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Camera: M5S occupa banchi del governo

Camera: M5S occupa banchi del governo

Bagarre Camera

 

Quella di ieri pomeriggio alla Camera dei Deputati è stata una seduta tutt’altro che tranquilla. Gli animi si sono esasperati quando è stata annunciata un’inversione dell’ordine dei lavori utile a consentire la ratifica di un accordo siglato dall’Italia, dall’Albania e dalla Grecia per la realizzazione del Tap (Trans Adriatic Pipeline). Di cosa si tratta? Di un grande gasdotto transfrontaliero, lungo circa 800 km, la cui realizzazione è fortemente osteggiata dal M5S.

Intervenendo dai loro banchi, alcuni deputati pentastellati hanno dato sfogo alla loro contrarietà, ma non sortendo alcun effetto, hanno raggiunto i banchi (tra l’altro vuoti) del governo occupandoli. Un gesto che ha suscitato la reazione stizzita di tutto l’emiciclo e della presidente di turno, Marina Sereni, che ha invitato i deputati Alessandro Di BattistaCarlo SibiliaMassimo Artini e Filippo Gallinella a ritornare ai loro posti.

La richiesta della Sereni non è stata accolta dagli esponenti del M5S e nell’Aula è scoppiata la bagarre. La seduta è stata inevitabilmente sospesa, ma alcuni deputati si sono accalorati fino quasi allo scontro fisico. A finire nel “mirino” del M5S è stato il democratico Pierdomenico Martino che, in un gesto d’ira, ha strappato il telefono dalle mani del collega pentastellato Emanuele Scagliusi buttandoglielo a terra.

“Ecco il video dell’ennesima aggressione di quello squadrista di Pierdomenico Martino del Pd, un ominicchio solito alla violenza – ha affondato su facebook il deputato 5 stelle, Manlio Di Stefano – Abbiamo chiesto di rispettare l’articolo 119 comma 4 del regolamento relativamente al Tap, opera dannosissima e inutile – ha spiegato Di Stefano – ma a quanto pare quest’Aula è abituata alla dittatura della maggioranza”.  Versione confermata da Alessandro Di Battista“‘L’onorevole’ Pierdomenico Martino del Pd ha aggredito i colleghi Scagliusi e Sibilia, li ha spintonati e con una manata violenta ha strappato il cellulare di mano a Scagliusi – ha denunciato il “cittadino” del M5S – Odiano essere ripresi, odiano che si sappia quel che avviene nel palazzo”.

Di tutt’altro avviso, ovviamente, il diretto interessato: Basta con le menzogne, querelo – ha annunciato ieri Pierdomenico Martino – Hanno occupato i banchi del governo gridando al rispetto del regolamento. Di fronte ad uno di loro che tirava fuori il telefonino per riprendere la scena in Aula, gli ho fatto notare che fare riprese in Aula è vietato proprio da quel regolamento di cui chiedono il rispetto. Uno di loro mi ha puntato il telefonino letteralmente in faccia – ha rimarcato il deputato del Pd – Io, a quel punto, ho spostato il telefonino e gli ho detto che non mi poteva riprendere”. 

L’occupazione dei banchi dei ministri da parte dei pentastellati ha spinto la presidente della Camera, Laura Boldrini, a sollecitare l’apertura di un’istruttoria che potrebbe portare a una sanzione del deputati 5 Stelle. Che, come è noto, sono già stati “puniti” dall’Ufficio di presidenza della Camera in occasione dell’occupazione del tetto di Palazzo di Montecitorio qualche mese fa.