Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Prodi ci ripensa: Voterò alle primarie per difendere il bipolarismo

CONDIVIDI

Romano Prodi

 

L'”incidente” dello scorso aprile sembrava averlo allontanato definitivamente dal suo partito. La sua mancata elezione alla presidenza della Repubblica, per colpa di quei 101 democratici non ancora identificati, lo aveva amareggiato al tal punto che Romano Prodi aveva scelto di congedarsi, senza alcuna cerimonia, dai suoi colleghi.

“Non andrò a votare alle primarie e non rinnoverò la tessera del Pd”, aveva assicurato l’ex presidente del Consiglio, rimarcando l’intenzione di troncare ogni rapporto con quel partito percorso da “correnti” fratricide. Ma qualcosa gli ha fatto cambiare idea: “Domenica, di ritorno dall’estero, mi recherò a votare alle primarie del Pd – ha annunciato ieri il Professore – In questa così drammatica situazione, mi farebbe effetto non mettermi in coda con tanti altri cittadini desiderosi di cambiamento“. 

A farlo ritornare sui suoi passi non sono state le proposte programmatiche dei tre candidati, ma il pronunciamento della Consulta. “I rischi aperti dalla recente sentenza della Corte Costituzionale – ha spiegato Romano Prodi – mi obbligano a ripensare a decisioni prese in precedenza. Le primarie del Pd assumono oggi un valore nuovo. Nella situazione che si è venuta a determinare è infatti necessario difendere a ogni costo il bipolarismo – ha affermato l’ex premier – Pur con tutti i suoi limiti, il Pd resta l’unico strumento della democrazia partecipata di cui tanto abbiamo bisogno”.

Resta da capire su quale nome il padre nobile dell’Ulivo sceglierà di porre la sua crocetta. “Penso voti me o Civati”, ha dichiarato ieri Matteo Renzi, persuaso che l’ex premier accorderà la sua fiducia a chi (a suo giudizio) può portare un reale cambiamento. Nella sua campagna elettorale, Pippo Civati è tornato più volte a puntare l’indice contro i “101 traditori” che hanno “impallinato” Prodi lo scorso aprile, annunciando addirittura l’apertura di un’inchiesta interna al partito (nel caso in cui dovesse diventare segretario) utile a fare chiarezza su quanto accaduto. Nessun feeling particolare sembra, invece, legare l’ex premier a Gianni Cuperlo che ha, comunque, salutato positivamente l’annuncio del Professore di recarsi ai gazebo.