Home Spettacolo

Catania, al Barbara Disco Lab è sempre tempo di Flow Job

CONDIVIDI

killasoulTutto come previsto, ancora una volta. Quando nella città Etnea si uniscono l’esperienza e la knowledge in materia dei ragazzi del Pulp con il ‘brand’ del Barbara Disco Lab, difficilmente il risultato delude le attese. Detto in altre parole: chi cerca party, trova pane per i suoi denti. Anche stavolta è andata così: nel sabato sera simbolo della movida catanese, dove discoteche locali pub ed esercenti vari fanno a gara per attarre a sè quanta più clientela possibile, il duo Pulp-Barbara è riuscito a coagulare intorno a sè una ben rilevante fetta di giovani e meno giovani in cerca di un paio d’ore (ma facciamo anche quattro-cinque) di svago e spensieratezza, in compagnia di buona musica e vibes positive.

Motore della festa è stato l’ennesimo capitolo del Flow Job, la ‘saga’ di eventi che porta ormai da anni i big della musica rap e hip hop ai piedi del Vulcano (per l’occasione scatenato in coreografiche fontane di lava). Esponente della black music per l’occasione è stato Johnny Marsiglia, giovane Mc palermitano, che accompagnato dal producer Big Joe ha fatto ballare il pubblico sulle rime dei suoi successi. Nell’altra sala, per gli amanti delle sonorità più electro, ci hanno pensato i capitolini Maztek a mettere a dura prova l’impianto audio del locale. Una serata che ha saputo soddisfare un po’ tutti i palati, come difficilmente non accade in queste occasioni; il pubblico presente sembra dare conferma di ciò.

E per un anno che finisce, ce n’è sempre un altro che inizia. Lo sanno bene anche i ragazzi di Flow Job, che per augurare il benvenuto al duemilaquattordici stanno architettando un evento da far tremare i polsi. Pare infatti che in zona etnea sia previsto, per giorno tre gennaio, il passaggio di tre tizi che da un paio d’anni appena masticano di rap; la stessa fonte confidenziale suggerisce che i nomi dei tre possano essere, in ordine sparso, Fritz Da Cat, Noyz Narcos, Ensi. Se non vi dicono nulla, non preoccupatevi, si tratta pur sempre di cantanti emergenti. Forse.