Microchip NON Obbligatorio per tutti i Neonati da Maggio 2014: stavolta non è una bufala. E’ satira (?)

Le bufale sono all’ordine del giorno e – così – ci troviamo pressoché quotidianamente a smentirne qualcuna: è il turno del microchip obbligatorio per i neonati dal 2014; si tratta di una notizia assolutamente non vera, costruita ad arte dal ‘Giornale del Corriere’ per poi essere propagata attraverso i social network (grazie a future genitrici allarmate e – in assoluto – ad utenti poco attenti). Innanzitutto, il sito specifica (sia pur molto in piccolo: fossimo in loro, per deontolgia, lo scriveremmo anche nell’about, ed eviteremmo di scrivere solo “alcuni articoli”, creando parecchia confusione) già nel footer: “Il Giornale del Corriere è un sito satirico, e dunque alcuni articoli contenuti in esso sono da ritenere tali. La redazione non vuole offendere nessuno”.

Sono diversi i passaggi che non convincono. Prendiamone due, per esempio:

“I microchip sono delle dimensioni circa di un chicco di riso e sono basati su una tecnologia passiva NWO. I microchip sono particolarmente utili in caso di rapimento o scomparsa dei bambini.Molte nazioni già utilizzano e richiedono il microchip insieme alla vaccinazione”.

La tecnologia passiva NWO, di per sé, fa ridere: tanto per la vaghezza (non troviamo online nessun riferimento a tale tecnologia), quanto all’uso della sigla che riporta al fantomatico (?) Nuovo Ordine Mondiale; quindi, il fatto che vengano prese come esempio ‘molte nazioni’ senza specificare quali, rappresenta anch’essa una spia sulla falsità della news (nessuno stato utilizza microchip, allo stato di cose attuale, se non per inserirli nei cani – e ciò lo si fa anche in Italia – ai fini di evitare abbandoni).

Quindi, secondo passaggio:

“La CCCP (Comitato Consultivo per il Controllo della Popolazione) ha preso in considerazione l’obbligatorietà di installazione anche ai cittadini nati prima della suddetta data, ma ciò non avverrà prima del 2017. L’istallazione sarà totalmente indolore grazie al fatto che il chip verrà impiantato sotto pelle nel gomito sinistro, privo di terminazioni nervose”.

Con CCCP, poi, la redazione del giornale ‘satirico’ si supera: CCCP può essere il nome di un famoso gruppo punk filosovietico anni ’80 (il cui cantante è diventato ciellino) o al limite si tratta della nome russo della disciolta Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche: non esiste nessun Comitato Consultivo per il Controllo della Popolazione. Inoltre, fa notare qualche collega pronto a sgamare la ‘bufala’ come nel gomito sinistro vi siano terminazioni nervose. Esattamente come nell’altro gomito.